Utente 380XXX
a SN, a livello dello spazio perirenale superiore, si apprezza voluminosa (diametri massimi di 8*6 cm con estensione CC di 6,5 cm circa) lesione ipodensa non captante il mdc, che presenta margini regolari e determina compressione del parenchima renale contiguo in sede medio-polare superiore soprattutto in corrispondenza del margine antero-mediale. Si associa disomogeneo opacamento del tessuto adiposo perirenale e ispessimento della fascia renale anteriore, che in parte presenta spessa (1,5 cm) componente ipodensa. Non riconoscibile il surrene. Tali reperti risultano compatibili con lesione ripetitiva surrenalica andata incontro a recente sanguinamento o ematoma surrenalico in fase organizzativa. Sottile falda fluida a livello paravescicaleSN. Nelle porzioni di parenchima polmonare visualizzate, sono presenti a livello dei segmenti anteriori del LSDX e LISN, aree di aumentata densità parenchimale a tipo vetro smeriglio non completamente comprese nel campo d'indagine. Tessuto parenchimatoso in sede ilare DX. Versamento pleurico basale SN. Manifestazioni di enfisema, soprattutto di tipo bolloso, più evidenti a DX. Alcuni minuti micronoduli al segmento posteriore del LIDX e due più grandi posti rispettivamente ai segmenti laterali del LM e LIDX (quest'ultimo risulta calcifico). Minuta (1 cm) focalità ipodensa a livello epatico in sede pericavale compatibile con cisti. Nei limiti il pancreas, la milza, il surrene e il rene DX. Non linfoadenomegalie.
Mio padre ha subito lobectomia superiore sinistra + linfoadenectomia ilo-mediastinica per via toracotomica.
Cosa sapete dirmi?

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Ritengo che sia necessario conoscere qualche dato in più, tipo lo stadio della patologia alla diagnosi, il tipo istologico, l'età e le condizioni generali di suo padre, eventuali trattamenti eseguiti.
Potrebbe essere una ripetitività surrenalica. Forse una PET permetterebbe una visione d'insieme (compreso l'apparato scheletrico) migliore.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)