Utente 731XXX
Sono una ragazza di 31 anni. Unitamente all’esito istologico di un nodulo al seno ho saputo di essere incinta.Ho interrotto la gravidanza.
Le invio l’esito istologico.
Mi sono stati prescitti 8 cicli di chemio di cui 4 di FEC e 4 a base di taxolo e a seguire radioterapia.
Ho già fatto due cicli di fec.
Per alcuni disturbi ho effettuato l’eco t.vaginale: l’ovaio dx presentava una cisti corpuscolata
del diametro di cm 2,4; controllata con eco dopo 15 gg. La cisti è diventata cm 4,5 x cm 4.
Il ginecologo mi consiglia ZOLADEX per 6 mesi (dovrei iniziare dopo le prossime mestruazioni,
a giorni).
Sono tante le domande che vorrei porLe ma la principale è : il ZOLADEX è compatibile con
la malattia nel mio caso, non essendo il tumore ormonodipendente ? Il ZOLADEX riduce l’effetto della chemioterapia?
Per le altre domande Le riscriverò.
La ringrazio sentitamente
esito istologico
Descrizione macroscopica
1) Losanga di cute di 5,3x1,5 cm. con sottostante parenchima mammario di 6,7x5,5x4 cm. Il quadrante è orientato dal chirurgo con repere all’apice areolare.Al taglio, centralmente nel quadrante, estesa al margine profondo di resezione, è presente un’area biancastra, ton- deggiante, plurilobulata di 1,4x1,3x1,6 cm. costituito da tessuto biancastro duro.La lesione dista 3,3 cm.dall’apice areolare, 2 e 1,8 cm.dai margini laterali della quadrantectomia e 3,4 cm. dall’apice apposto. Il restante parenchima mammario è adiposo, con diffuse aree
biancastre, lucide, di consistenza dura, che giungono talora ai margini di resezione.
A)neoplasia; B) restante parenchima .(8 bl.)
2)Linfonodo di 1,3 cm. di diametro costituito al taglio da tessuto biancastro duro circon-
dato da scarso tessuto adiposo. (2 bl.)

Diagnosi
1A) Carcinoma duttale infiltrante, a margini stellati della mammella S, grado III (NT), con evidenza di necrosi, e con emboli neoplastici intravascolari, associato a carcinoma intraduttale
ad alto grado, con necrosi; la neoplasia misura microscopicamente 1,7 cm. di diametro e
giunge a 0,2 cm. di distanza dal margine profondo, che è microscopicamente libero; i restanti margini di resezione sono liberi;
2) istiocitosi dei seni del linfonodo sentinella ascellare S.
1B) microfocolai di carcinoma intraduttale, fibroadenoma, fibrosclerosi ed adenosi del paren-
chima mammario circostante;
pT1c, pN0 (sn).

Codificazione
T-04030 M-85003
M-85002
M-90100
D7-90350
T-C4710 M-77810
Determinazione Immunocitochimica
Estrogeni negativa // Progesterone negativa // Attività proliferativa (Ki67) moderata, 20% // c-erbB2 (NEU) negativa * debole positività citoplasmatica in 10% delle cellule neopla-
stiche:


[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Cara Amica,

senza dubbio il trattamento chemioterapico è indicato per questo tipo di patologia anche in considerazione degli altri parametri immunoistochimici e della giovane età. Direi che l'iniezione di Zoladex in questo caso non influenza il trattamento antiblastico in considerazione del fatto che la malattia non possiede recettori ormonali e quindi la cinetica cellulare non viene alterata dall'iniezione del farmaco suddetto.

Sempre a disposizione, un caro saluto

Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it