Utente 227XXX
Salve dottori, ho bisogno di un vostro parere almeno per tranquillizzarmi un po'.
Una persona a me cara ha eseguito una tiroidectomia totale dopo che circa 6 mesi fa a seguito di un controllo ed una PET con contrasto era stato evidenziato un nodulo tir4 della dimensione di circa 0,6 mm.
Oggi, dopo 40 giorni, abbiamo avuto i risultati dell'esame e purtroppo il nodulo era maligno. Da quanto sono riuscito a capire, perdonatemi i termini poco tecnici, il nodulo era ben incapsulato e non vascolarizzato e insieme al nodulo anche 2 linfonodi di un lato della tiroide sono risultati "compromessi". E' stata per tanto consigliata la terapia con lo iodo-131.
L'endocrinologo che sta seguendo la vicenda dopo avergli mostrato la pet, ha notato 2 linfonodi 'strani' vicino al colon e ci ha consigliato di far vedere l'esame ad uno specialista per appronfondire la cosa.
E' possibile che ci siano delle metastasi linfonoidali al colon? Premetto che durante la pet questa persona aveva un infezione intesinali grave non ancora diagnosticata che si sarebbe risolta solo dopo ricovero in ospedale per diverse settimane.
E' possibile che i linfonodi mostrati nella pet erano semplicemente "in allerta" per l'infezione? Possibile che nessuno se ne sia accorto?
Vi ringrazio anticipatamente!

[#1] dopo  
Dr. Attilio Leotta

24% attività
16% attualità
16% socialità
LAMEZIA TERME (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
sarebbe opportuno avere il referto istologico dettagliato relativo alla tiroidectomia
Dr. ATTILIO LEOTTA

[#2] dopo  
Utente 227XXX

Purtroppo non ce l'ho qui con me ma potrei recuperarlo, la ringrazio per la tempestiva risposta.
Ma da quel che ricordo sull'esame non c'era scritto niente riguardo al colon, questo è stato un dubbio dell'endocrinologo alla vista della pet. Ha qualche idea a riguardo? Lo so che fare una diagnosi così, senza dati, è quasi tirare ad indovinare, ma secondo lei?

[#3] dopo  
Dr. Attilio Leotta

24% attività
16% attualità
16% socialità
LAMEZIA TERME (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Non credo ci sia un nesso tra la patologia tiroidea e i linfonodi evidenziati al colon che potrebbero essere certamente di tipo reattivo.
Comunque sarebbe utile poter disporre di tutti i dati clinici e istologici per una risposta in proposito .
Dr. ATTILIO LEOTTA

[#4] dopo  
Utente 227XXX

Grazie ancora per la risposta, sono riuscito ad avere i risultati dell'esame istologico:

Notizie cliniche:
Sospetto k tiroide TYR 3 nodulo lobo dx

MACROSCOPICA
Pervengono 2 contenitori:
A) tiroide del peso di 15 gr e delle dimensioni di cm 4,5 x 3,5 x 2; al taglio, in corrispondenza del polo inferiore del lobo di destra, presenza di neoformazione nodulare grigiastra solida a margini definiti del diametro massimo di 1,4 cm; nel terzo medio del lobo sinistro, presenza di neoformazione nodulare grigiastra solida a margini definiti del diametro massimo di 0,6 cm.
B) "linfonodi pericorrenziali sx": frammento fibroadiposo del diametro massimo di cm 2 comprendente 6 linfonodi

DIAGNOSI
A) duplice carcinoma papillifero di tipo usuale della tiroide (mm. 13x10 nel lobo dx; mm. 6x4 nel lobo sx); assenza di pseudocapsula tumorale, di necrosi e di angioinvasione in entrambe le lesioi; presenza di microcalcificazioni tumorali limitatamente alla neoplasia del lobo dx; margini chirurgici di resezione esenti da lesioni (distanza minima della neoplasia del lobo dx dal margine di resezione <mm.1)
Immunofenotipo tumorale: CK19+, Galectina 3+.
B) metastasi nodulari in 2 su 6 linfonodi di carcinoma papillifero della tiroide (pT1m,pN1)

Se servono altri dati vedo di recuperarli, a quanto pare ho commesso molte imprecisioni nel messaggio iniziale.
A fronte dei nuovi dati e della sua esperienza nel campo come la vede la situazione?
La ringrazio ancora molto per il suo aiuto.

[#5] dopo  
Dr. Attilio Leotta

24% attività
16% attualità
16% socialità
LAMEZIA TERME (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
come le ho detto prima non credo ci sia un nesso tra la neoplasia tiroidea e quanto riscontrato con la Pet a livello del colon.
Per quanto riguarda la neoplasia della tiroide dovrebbe trattarsi di uno Stadio I (anche se non conosco l'età del paziente) con basso rischio.
Dr. ATTILIO LEOTTA