Utente 116XXX
Gent.mo dottore, 
Mi permetto di disturbarLa perchè, dopo quasi sei anni dalla prostatectomia+RT per k prostata di mio padre (65 a), si è verificato un innalzamento repentino del PSA e siamo molto allarmati.
Riepilogo brevemente:
Feb. 2011: psa occasionale 28 (59 anni)
Biopsia: Adenocarcinoma prostata Gl. 5+4. Scintigrafia e tac negative. 
Pet-tac: iperfissazione solo a livello dei linfonodi pelvici.
Prescrizione 3 mesi di Bat neoadiuvante (casodex 50 + enantone 11.25) 
10 maggio 2011: prostatectomia radicale estesa ai linfonodi c/o I.Regina Elena
psa post intervento: 2,1 nonostante bat in corso;
Esame istologico: pt3b N0 con margini positivi ma linfonodi asportati (15) INDENNI.
Agosto 2011: 39 sedute Rt adiuvante su loggia prostatica (7020 cGy) + linfonodi pelvici (4500 cGy) + linfonodi pet-positivi (5940 cGy) tutto con frazionamento 180 cGy/die. 
Novembre 2011:PSA 0,4.
tutto l'anno 2012: 0,09
marzo 2013: 0,09 e sospensione Casodex (trascorsi 2 anni ininterrotti tra neoadiuvante e post) proseguendo solo con l'analogo.
agosto 2014 : PSA 0.09 - sospensione analogo.
Fino ad aprile 2016 PSA: 0,09.
Purtroppo al 28 novembre 2016 il valore PSA è salito a: 0,10

Al 5 febbraio 2017: 0.26

Nessun esame total body effettuato per il tmpo in cui il PSA e' rimasto stabile a 0,09; solo controllo psa e visite di follow up.
(Da un paio di mesi mio padre ha problemi di balanite - ma urinocoltura ripetutamente negativa)

Abbiamo già prenotato una visita uro-oncologica ma nel frattempo, trattandosi di possibile ripresa della malattia, quale esame diagnostico/laboratorio possiamo eseguire (che abbia attendibilità con PSA =0.26) così da non perdere tempo, per il successivo trattamento? 
Ho sentito parlare di PET-PSMA....

In che modo i "protocolli" prevedono di procedere in casi come il nostro?

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
La PET con PSMA è un tracciante ancora non ufficialmente entrato nella pratica clinica. Sembrerebbe però essere molto promettente per valori inferiori a quelli per i quali altri esami strumentali non riescono ad essere spesso utili, cioè a valori di PSA dopo la recidiva inferiori a 0.5-1ng/mL. E' stato visto da alcuni studi che la PET PSMA sembra essere più accurata della PET con colina a valori anche abbastanza bassi, soprattutto se il gleason score è alto(come nel suo caso) o dopo ormonoterapia.


PS: Se vuole, nel mio centro viene l'esame effettuato, all'interno di un protocollo, previa valutazione medica specialistica. Potrei, dopo una accurata visita e dopo avere ricostruito la storia nel dettaglio, richiederle io stesso (o un medico del mio staff) l'esame in oggetto, come ho fatto con tanti miei pazienti che hanno una storia simile alla sua.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),