Utente 493XXX
Gentili Dottori,
vi disturbo per esporvi il quadro di mio padre ai fini di un consulto.
Mio padre, moderato fumatore da oltre 30 anni (circa 7 sigarette al giorno), da oltre sei mesi accusava tosse persistente con espettorato biancastro, mal di gola, febbricola continua (controllata con paracetamolo), dolori articolari (attenuati con dicloreum) e difficoltà respiratorie.
A seguito dell'innalzarsi della febbre ( circa 39 gradi) si recava presso il locale ospedale ove veniva ricoverato, sottoposto a terapia cortisonica e antibiotica e successivamente dimesso con la seguente diagnosi: enfisema polmonare e bpco, cardiopatia ipertensiva,trombosi completa esterna arteria iliaca esterna di destra, connettivite indifferenziata, nodulo polmonare in fase di accertamento diagnostico, psoriasi cutanea, anemia normocromica normocitica, calcolosi della colecisti, diverticolosi al colon.
Vorrei soffermarmi sul nodulo polmonare.
Veniva altresì sottoposto a tac il cui esito era: nodulo parenchimale di 4 mm nel segmento mediale del lobo medio non tipizzabile per le troppe piccole dimensioni. Presenza di qualche linfonodo di 5 mm circa in sede prevascolare, di alcuni el diametro massimo di 13 mm circa nella loggia di Barety, nella finestra aorto- polmonare, in sede paraortica e carenale e di uno di 10 mm in sede ilare destra,qualche piccolo linfonodo di tipo reattivo del diametro max di 12 mm è evidente nei cavi ascellari. Linfonodi mediastinici, nel seno cardiofrenico di dx, in sede paracavale, interaortocavale e lomboartica.
Dimesso e interrotta la terapia antibiotica si sono ripresentati e persistono tosse con espettorato biancastro, febbre e difficoltà respiratorie.
Successivamente sottoposto a pet, circa due settimane dopo, il referto è il seguente: l'esame pet evidenzia iperaccumulo del tracciante ( suv max 3.8) lungo il profilo pleurico costale di destra che appare ispessito.
Si segnala la presenza di focale accumulo del tracciante in loggia parotidea sinistra ( suv max 5.7) e a livello di piccoli linfonodi localizzati in sede retroagolomandibolare bolateralmente ( suv max 2.9 a dx); utile inquadramento clinico strumentale mirato qualora non noti.
Metabolicamente non tipizzabile per le esigue dimensioni il micronodulo segnalato a livello del polmone destro.non si evidenziano ulteriori aree di patologica distribuzione del tracciante nelle restanti regioni corporee esaminate, in particolare in ambito linfonodale, nella sede dei reperti descritti alla tc portata in visione.
Evidenza pet di patologico accumulo del tracciante in sede pleurica destra.
Ulteriore consiglio dei medici: fissazione visita chirurgo toracico.
Vi chiedo se cortesemente potreste aiutarmi a dare una corretta interpretazione ad entrambi i referti suesposti.
Vorrei sapere se dal referto è dato evincere che mio padre possa avere un tumore ai polmoni, come sospettato dai medici che lo seguono o potrebbe semplicemente essere un processo infiammatorio acuto.
vi ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Dr.ssa Anna Maria Ierardi

28% attività
8% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2018
Buon giorno
si dovrebbero visionare le indagini eseguite e gli esami di laboratorio.
La PET capta in caso di malattia ad elevato metabolismo come la flogosi o il tumore. E' l'imaging (TC, etc), la clinica e gli esami di laboratorio che ci indirizzano verso un verso o l'altro.
A disposizione per ulteriori chierimenti
Cordiali Saluti
Dr.ssa anna maria ierardi