Utente 505XXX
Buon pomeriggio sono una ragazza di anni 31, e volevo esporVi il mio caso per tranquillizzarmi se è possibile. Ultimo mese di gravidanza 15 ottobre 2006 (compare a lato sinistro e per la precisione sotto il lobo un piccolo rigonfiamento all'inizio non dolente poi con il passare delle ore diventava più grande e dolente (poi grandezza palpabile cira 3cm di diametro). Il giorno dopo ricoverata in ginecologia ho fatto tutte le analisi possibili non è risultato nulla, ecografie già si presentava una situazione inusuale a detta loro dato che era bilaterale la presenza di noduli all'interno della ghiandola parotidea. Ho poi partorito il 07/11/2006 e dopo ho continuato con varie ecografie sotto consiglio del medico curante ho hatto il 15/12/2006 un ago spirato con diagnosi (probabile tumore di warting) così in lista di attesa e sono stata operata il 18/05/2007 a sinistra dove si presentava ancora questo rigonfiamento diagnosi ( oncocitoma ghiandola parotidea), poi ho continuato gli accertamenti e le visite periodiche ogni mese, fino a quando il 07/12/2007 nuovo ago aspirato bilaterale con diagnosi di oncocitoma. A questo punto nuovamente in lista d'attesa e nuovo intervento sempre a sinistra dove si era ingrandito dato che mi era stata aspoertata solo la neoformazione, inoltre a detta del chirurgo si presentava complicato a causa di aderenze attorno al nervo facciale il 30/05/2008 operata cira 3 ore di intervento con la seguente diagnosi IPERPLASIA NODULAREONCOCITICA/ONCOCITOSI NODULARE. ALCUNI NODULI DI PICCOLE DIMENSIONI SONO PRESENTI SUI MARGINI DI EXERESI. SI ISOLANO N°2 LINFONODI INTRAPAROTIDEI ESENTI DA ALTERAZIONI. Ora vi prego di potermi chiarire le idee se è possibile. Ho chiesto al chirurgo e mi ha detto che probabilmente è legato alla gravidanza e agli ormoni e che per lui potrei affrontarne un'altra secondo voi è possibile avere un altro bambino? E potrei capire a questo punto di cosa in definitiva si tratta grazie in anticipo .

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

si tratta di una neoformazione benigna della ghiandola parotide. L'asportazione chirurgica completa rappresenta la cura. La cosa migliore da fare è controllare periodicamente la ghiandola residua ed asportare eventuale recidiva. In merito alla gravidanza ulteriore, direi che non sussistono controindicazioni ma credo sia opportuno per questo rivolgersi ad un collega ginecologo.

un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 505XXX

Grazie mille per avermi risposto siete tempestivi come sempre. Scusate ma solo oggi ho letto l'e-mail. grazie ancora