Utente 585XXX
mio padre 70 anni- melanoma operato nel 2014 - non chemio o radio, 1 micrometastasi in uno del 36 linfonodi esaminati

MA ALL'IMPROVVISO... nodulo polmonare visto nella ultima tac.


broncoscopia negativa

agoaspirato e referto patologico:
CD56+, PANCK -, CK7-, CAM5. 2-, P40-, TTF1-, CD20-, CROMOGRANINA-, SINAPTOFISINA-, ATTIVITA' PRLIFERATIVA KI67; 30%
reperti limitati a materiale scarso, orientano in prima istanza per carcinoma neuroendocrino scarsamente differenziato.


siamo entrati nel tunnel...

confermato microcitoma a piccole cellule... la notizia positiva è che la tac non ha manifestato metastasi in giro... . risulta confinato al polmone sinistro ed ai linfonodi centrali. . . da valutare convolgimenti ematico... . . tumore molto aggressivo... .

la fortuna è stata che... . facendo screening per pregresso melanoma... a dicembre non era presente... ne abbiamo fatta un'altra poco tempo fa causa un dolore al braccio opposto... . ed è stato visto... . . . .
l'oncologa mi dice che questo tipo di tumore, se non diagnosticaco, uccide in 6 mesi... .
oggi ha iniziato la chemio.. decideranno se fare la radio preventiva... stringiamo i denti e andiamo avanti...
la chemio hanno dovuto dosarle perchè ha avuto anche un infarto con pacemaker e 3 bypass...

[#1]  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
la sua esposizione, pur con la storia di precedente melanoma, risulta abbastanza lineare. Ciò che ha esposto rappresenta l'iter diagnostico e terapeutico tipico di un caso come questo. Le posso confemare che le cose vanno così come è stato programmato.
Se ha quesiti specifici, può esporli qui, anche se credo che l'oncologa le abbia spiegato la situazione ed il percorso previsto.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#2] dopo  
Utente 585XXX

La ringrazio Dr Barbieri...

La speranza è che il primo ciclo di chemioterapia, riesca a rallentare la malattia....l'eventuale ripresa in secondo ciclo ho capito che è quasi impossibile da rallentare.....
non ci aspettiamo certo la guarigione....ho letto di tutto e di più e mi pare di aver capito che l'aspettativa di vita è comunque limitata, casi sporadici che arrivano a 24 mesi.....

i dottori sono dubbiosi se fare la radio di profilassi all'encefalo.....

Lui al momento la vive con serenità.... godiamoci questi momenti ancora felici....

[#3]  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Il suo ragionamento e le informazioni acquisite sono realistiche e condivisibili.
Per la profilassi radioterapica sull'encefalo, tutto dipende dall'entità della risposta alla chemioterapia e quindi non si può decidere ora.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#4] dopo  
Utente 585XXX

oggi secondoo ciclo di chemioterapia...
ci mandava anche questo rischio covid19.. l'ospedale a livorno è in allarme... ed i rischi per un malato di microcitoma polmonare sarebbero corrispondendi a morte sicura...

i medici dicono che farano la tac di controllo per valutare la risposta della malattia alle chemio dopo 6 mesi, alla fine dei cicli previsti.. è corretto?

[#5]  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Con la diffusione dell'infezione da Coronavirus purtroppo ci sono gli stessi rischi in tutte le oncologie, pur con tutti i provvedimenti in senso preventivo.
Tuttavia le devo dire che i rischi maggiori sono per i pazienti già operati al polmone o che hanno già subito radioterapia, perchè in caso di grave polmonite da virus subirebbero un più difficile supporto intensivo.
La sola diagnosi di microcitoma non espone a rischi maggiori di quelli di un paziente con un qualunque tumore che riceve chemioterapia e va incontro a riduzioni delle difese immunitarie.
Come dice lei, comunque, "ci mancava anche questo rischio covid19".

Indubbiamente alla fine dei cicli bisognerà fare la rivlutazione radiologica per avere contezza dell'entità del risultato ottenuto.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro