Utente 111XXX
Buongiorno gentili Dottori,
mia madre, che attualmente ha 63 anni, è stata sottoposta una ventina di giorni fa ad un piccolo intervento per togliere un nodulo mammario di 0,8 cm al seno SX. Tale nodulo era presente da circa un anno e con le stesse dimensioni, allora le fu fatta un'agosbiopsia e l'esito fu negativo. All'ultima eco invece si è deciso di intervenire perchè i margini sono risultati + frastagliati.
Precedentemente è stata operata allo stesso seno negli ultimi 20 anni altre 2 volte, per noduli/microcalcificazioni ma l'esito allora fu negativo. Nel 1993 invece ha avuto un tumore al seno DX, con conseguente quadrantectomia, radioterapia e chemioterapia.
Il risultato della biopsia fatta nell'ultimo nodulo è il seguente:
Carcinoma duttale infiltrante di tipo NOS di grado 2 secondo classificazione Bloom e Richardson modificata da Elstom (architettura tubolare 3, pleomorfismo nucleare 2, attività mitotica 2). Abbondante reazione desmoplastica e scarso infiltrato infiammatroio intra e peritumurale. Margini esenti.
A fronte di tale diagnosi le sono state prospettate 2 ipotesi:
1) asportazione del linfonodo sentinella e ciclo di radioterapia.
2) mastectomia e asportazione linfonodo sentinella.
Insieme al chirurgo mia madre ha deciso per la mastectomia, ora è in lista d'attesa.
Vorrei gentilmente chiedervi:
- se ci sono connessioni tra il tumore di 16 anni fa e quello attuale;
- in base ai dati che vi ho fornito che tipo di prognosi c'è da aspettarsi;
- che terapia post intervento verrà fatta secondo voi, se c'è da aspettarsi anche la chemio.
Scusatemi ma sono molto in ansia, considerando che sono anche incinta all'ottavo mese di 2 gemelli.... Ringrazio anticipatamente chi vorrà rispondermi.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
1)Non ci dovrebbe essere alcuna relazione con il tumore controlaterale.

2)La terapia sarà stabilita dopo la verifica di tutti i fattori biologici, stato linfonodale compreso.

3)Perchè ha deciso di fare una mastectomia e non una quadrantectomia +analisi del linfonodo sentinella ?

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=29219

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 111XXX

Immagino perchè il seno è ormai martoriato dopo tre interventi e il nodulo si trovava vicino al capezzolo, e poi per stare + tranquilli per il futuro, visto le recidive che ci sono state negli anni, benigne o maligne che siano state.
Mia madre ormai da 16 anni è seguita dall'ex Regina Elena di Roma, ora IFO.

Ma lei che cosa ne pensa della situazione generale, che percentuali di guarigione possono esserci?

La ringrazio infinitamente della risposta.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
se avrei optato per una terapia conservativa è perchè il quadro suggerisce un cauto ottimismo,
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com