Utente
a mio padre (76 anni) e' stato riscontrato un carcinoma prostatico di 3+3, nonostante il valore psa e' sempre risultato normale. si e' deciso per la radioterapia.alla termine della quala si e' provveduto ad esguire tac total body con contrasto questo e' il risultato:
torace: bilateralemente sono riconoscibili alcune minute formazioni nodulari rispettivamente 4 a sx e 3 dx.le minute formazioni nodulari descritte non presentano calcificazioni nel proprio contesto,alcuni linfonodi in sede para-tracheale dx ed a livello della finestra aorto polmonare follow up fra 4/6mesi.
la valutazione delle acquisizioni condotte con algoritmo per strutture scheletriche mostra alcune disomogeneita a livello del bacino in assenza di lesioni focali certe ma meritevoli di prosecuzioni del follow-up radiologico.
questo e' un estratto della tac. tenendo conto che ci capisco poco e nonostante alcune spiegazioni continuo a capirci pocxo vorrei porre delle domande che sono: e' possibile innanzitutto avere una panoramica con parole semplici? secondo voi qual'e il quadro clinico probabile? se mi rivolgo ad un urologo oncologo puo' essermi d'aiuto in questa situazione? e cmq quali sono i prossimi passi (accertamenti) da fare? io non so cosa o non cosa dire a mio padre, anche perche' non riesco a comprendere la gravita' della situazione. mi si parla di terapia ormonale, scusate la confusione ma sono nel panico totale. mi si dice di lasciare tutto cosi' per fargli vivere questi ultimi anni in pace, ma se la diagnosi e' quella in oggetto se si lascia andare tutto cosi' non sara' peggio dopo? vorrei farlo soffrire il meno possibile. che devo fare?

[#1]  
Dr. Alessandro D'Angelo

52% attività
0% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
nella sua città vi è un ottimo centro di oncologia con referenti per tali patologia.
Mi sembra già assurdo parlare di sofferenza; sia ottimista e si affidi agli oncologi per valutare l'iter diagnostico terapeutico (scintigrafia ossea, .... trattamento ormonale? RADIOTERAPIA?)
Ci tenga informati, cercheremo di chiarire eventuali suoi dubbi ove possibile, in atto credo che ci voglia un buon direttore d'orchestra che prenda in mano la situazione e vi programmi il tutto.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#2] dopo  
Utente
innanzitutto grazie di aver risposto, e' chiaro anche dalla mia e-mail confusionaria, che sono stato preso dal panico, sia perche' mio padre per 75 anni non ha mai sofferto di nulla ed ora trovarsi in questa situazione troviamo difficolta' a metabolizzarla, sia perche' eravamo gia' provati per il carcinoma prostatico, ora con quest'altro sviluppo......!!! certamente mi sto proiettando troppo oltre, quindi un passo per volta.grazie per le sue parole, probabilmente sono proprio in cerca di rassicurazioni,(le quali comunque giustamente non escludono nulla).per quanto riguarda il centro di oncologia a quale si riferisce? per quanto riguarda l'"urologo oncologo", potrebbe essere un direttore d'orchestra? grazie a tutti voi

[#3] dopo  
Utente
dimenticavo io scrivo da roma.saluti

[#4]  
Dr. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Se viene già seguito dopo RT nel follow-up dalla radioterapia, il radioterapista ha tutte le competenze per richiedere gli esami ulteriori necessari o interpretare i referti contestualizzandoli con la storia clinica(orchestrando al meglio, se vogliamo utilizzare tale espressione cara ai colleghi oncologi medici). Il radioterapista è infatti uno specialista oncologo, molto di più di quanto lo sia l'urologo, in base alla sua formazione e alla sua attività quotidiana con i pazienti oncologici.

per dubbi in merito le allego il seguente link:

www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=64903
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Dip. Radioterapia Oncologica Avanzata, IRCCS S.Cuore Don Calabria di Negrar(Ver

[#5]  
Dr. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
A Roma ci sono radioterapisti oncologi e oncologi medici e urologi molto bravi e rinomati.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Dip. Radioterapia Oncologica Avanzata, IRCCS S.Cuore Don Calabria di Negrar(Ver

[#6]  
Dr. Alessandro D'Angelo

52% attività
0% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
concordo con il collega Alongi
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#7] dopo  
Utente
a giorni ci sara' un consulto con un urologo oncologo, spero che possa essere un buon "direttore d'orchestra". ringrazio tutti per la cordialita' e la premura delle vostre risposte, come sara' mia premura farvi avere notizie in merito. saluti e ancora grazie.

[#8] dopo  
Utente
buonasera, ritorno a scrivervi per aggiornarvi della situazione di mio padre e chiedervi come sempre consigli o delucidazioni. l'urologo oncologo da cui siamo andati per il consulto ci ha consigliato di ripetere la tac totalbody con contrasto e la scintigrafia ossea. per quanto riguarda la tac non e' stata eseguita con contrasto perche' le analisi hanno evidenziato un valore della creatinina a 205, (dovuta a insufficienza renale che comprende una ciste di circa 9cm sul rene ), quindi gia' conosciuta, quindi ha effettuato una tac polmonare senza contrasto questo e' il risultato: sfumato micronodulo subpleurico in sede lingulare ed a livello del segmento apicale del lobo inferiore di sinistra non correttamente caratterizzabile in relazione alle esigue dimensioni e pertanto di natura indeterminata.ispessimento diffuso dell'intersizio parenchimale.non evidenza di linfoadenomegalie in sede ilo-mediastinica.non evidenza di versamento pleurico bilateralmente.mentre la tac precedente con contrasto dice: polmoni simmetrici normoespansi.bilateralmente sono riconoscibili alcune minute formazioni nodulari rispettivamente 4 a sx ( 2 nell'apico dorsale del lobo superiore , 1 nei settori craniali del latero basale ed 1 al passaggio tra quest'ultimo ed il postero basale) e 3 a dx (nei settori declivi del segmento apicale del lobo superiore, nell'anteriore del superiore e nel lobo medio). le minute formazioni nodulari descritte non presentano calcificazioni nel proprio contesto e richiedono prosecuzione del follow-up radiologico. altra dubbia e tenue formazione nodulare in prossimita' della superficie pleurica nel segmento apico dorsale del lobo sup.sx. in ambito mediastinico nei limiti l'aorta toracica ed i vasi polmonari. cuore con lieve prevalenza volumetrica delle sezioni sx. alcuni linfonodi in sede para-tracheale dx ed al livello della finestra aorto polmonare. non evidenti macro-linfoadenopatie ilari.tiroide lievemente aumentata di voume con formazione ipodensa a livello del lobo dx. alcuni linfonodi a livello dei cavi ascellari a dx in parte con mofologia tondeggiante.
credo che ci sia grande differenza descrittive tra le 2 tac, e per finire questo e' il risultato della scintigrafia: spot iperattivo in uno dei metameri del tratto medio della colonna cervicale, diffusa iperattivita' della colonna cervicale stessa del tratto medio dorsale della colonna in s1 s2, e nella I articolazione metatarso falangea, riferibili a patologia degenerativo-infiammatoria. omogenea la captazione del tracciante osteotropo in tutti i restanti segmenti scheletrici esaminati. CONCLUSIONI: l'esame scintigrafico non ha evidenziato anomalie delle captazione indicative di patologia ossea ripetitiva.
scusati se vi ho quasi scritto una cartella clinica intera ma ho davvero bisogno di capire. probabilmente mi consiglierete di far vedere il tutto allo specialista ma non ce la faccio ad aspettare, cercate di comprendermi. il risultato della scintigrafia come lo devo intendere a livello di metastasi? anche perche' se ho compreso bene le metastasi ossee sono strettamente collegate a quelle polmonari. cmq credo che abbiate capito che forse ho bisogno di chiarezza. vi chiedo scusa per tutto ma spero che possiate mettere un po' d'ordine in tutto cio' vi ringrazio infinitamnete, sia per la cortesia, che per l'umanita' che mettete nelle vostre risposte, e naturalmente parlo anche di quelle che non mi riguardano. attendo con fiducia una vostra risposta grazie e saluti.

[#9]  
Dr. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Nella scintigrafia NON ci sono segni di malattia tumorale(degenerativo-infiammatoria significa verosimilmente ARTROSI..).
La TC, senza una conclusione chiara del referto è da interpretare dal suo specialista vedendo le scansioni delle immagini una per una e contestualizzandole con la stroia clinica del paziente.
Cordialmente
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Dip. Radioterapia Oncologica Avanzata, IRCCS S.Cuore Don Calabria di Negrar(Ver

[#10] dopo  
Utente
grazie per la solerte risposta. data la negativita' della scintigrafia posso considerarlo cmq un buon segno, nulla togliendo alla tanta strada ancora da percorrere?
ora continueremo i consulti,in attesa di sapere quale strada dovremo percorrere. grazie ancora per la cordialita'.saluti