Utente 120XXX
Mio padre, 60 anni, ex fumatore, con voluminoso gozzo multinodulare eutiroideo (referto citologico depone per lesioni iperplastiche), tramite tac con contrasto, è stato diagnosticato: " a carico del parenchina polmonare si osservano almeno 20 microfocalità con diametro massimo 1 cm distribuiti ad entrambi gli emisferi polmonari. Si osservano multipli adenomegalie a carico degli ili polmonari, in sede prevascolare, in finestra aorta-polmonare ed in loggia di Barety. NOn versamento pleuro-pericardico."
Esami del sangue: negative ATG, ATPO, normale CEA, livelli di calcitonina ai limiti superiori di norma.
Mi aiuta a capire di cosa si tratta? Siamo di fronte a piu tumori ad entrambi i polmoni? Ci possono essere possibilità che questi tumori siano maligni? grazie mille per l'aiuto

[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
è molto importate che il medico che può valutare le immagini radiologiche scelga quale nodulo o meglio quale adenomegalia bioptizzare per ottenere una diagnosi istologica.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#2] dopo  
Utente 120XXX

Grazie mille, dottore, per la tempestiva risposta.
L'ospedale intanto lo ha chiamato per fare una pet.
Le posso chiedere, secondo Lei, come mai invece di procedere subito con biposia, gli viene fatta una pet? puo servire a vedere se c'è in giro un altro tumore che magari puo' essre caus di metatasi ai pulmoni? Oppure già con la pet si puo' capire se siamo in presenza di tumori ai polmoni e di quale tipo? Ma puo essere che il nodulo begnino che ha alla tiroide non è invece begnino e che sia esso stesso la causa di metastasi? Grazie per la risposa .

[#3] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
La verità è che la PET può servire a vedere se c'è un tumore primitivo che è origine di tutto (forse anche il nodulo tiroideo), ma soprattutto potrebbe indicare le localizzazioni con maggiore attività metabolica da scegliere per la biopsia oltre che in base all'accessibilità (con tecnica opportuna).
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro