Utente 187XXX
Buonasera e grazie per il servizio che offrite. Vi scrivo per un problema che ha la mia bambina. Ha 12 anni e dopo tanta attesa per il fatto che i denti di latte ancora non cadono, abbiamo fatto una radiografia e con grande stupore ci siamo accorti che gli mancano i denti 12 e 22. Adesso siamo srupiti e preoccupati. In attesa della visita che faremo sabato prossimo, volevamo sapere cosa si fà in questi casi. Grazie anticipatamente.

[#1]  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
0% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile Signore,

l'agenesia dei denti permanenti 12 e 22 è una situazione che va gestita dopo un'attenta analisi della situazione ortognatodontica di sua figlia con una visita clinica diretta e con l'ausilio dei seguenti esami:

- modelli di studio
- Rx ortopantomografia
- teleradiografia latero-laterale
- fotografie del viso e della bocca
- cefalometria ortodontica (esame fondamentale !)

Quando TUTTI questi esami saranno eseguiti, si potrà valutare se mantenere i denti da latte in sede e che fungono da "mantenitori" di spazio, in attesa che la bambina possa affrontare eventualmente non prima dei 18 anni di età (ma anche oltre se i decidui resteranno in buona salute !) una riabilitazione implantoprotesica.

Mediante l'analisi della situazione ortognatodontica sarà anche possibile stabilire se sua figlia abbia bisogno adesso di un trattamento ortodontico per risolvere eventuali problemi di malocclusione.

Cordialmente
Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#2] dopo  
Utente 187XXX

Le faremo sapere dopo le visite che ci impegneremo a fare da sabato in poi... Intanto grazie e buon lavoro...

[#3]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
La cosa più logica, se i rapporti ossei fra le arcate sono buoni, se c'è NORMOOCCLUSIONE, in sostanza, è lasciare i denti da latte al loro posto, e pensare alla loro sostituzione in età adulta quando vacilleranno, spesso fra i 30 e i 40 anni.
La condizione di normoocclusione è valutabile dalla visita clinica, senza ulteriori esami e accertamenti.

Se vi è invece malocclusione, necessità di trattamento ortodontico, in sostanza, tutto il percorso indicato dal dr. De Carli è indispensabile.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)