Utente
Salve a tutti. A seguito di una brutta caduta mi sono fratturato e lussato il capitello radiale sx. Dopo una settimana di gesso sono stato operato: l'intervento è consistito nella rimozione dei frammenti ossei (che i medici hanno riferito essere pari a circa il 25% del capitello), che purtoppo erano troppo piccoli per essere fissati con viti. È stata rilevata inoltre la recisione del legamento anulare, che pertanto è stato suturato. Infine mi hanno applicato due fili di Kirschner e un gesso a circa 100° per 15 gg.
Oggi, ad una settimana dalla rimozione di gesso e fili, ho recuperato poca mobilità del braccio, soprattutto in flessoestensione, nonostante abbia iniziato da subito la fisioterapia. Quale può essere la causa di tale rigidità? Il legamento? Dovrò sottopormi a nuovi interventi?

PS: sono un fumatore "moderato" (~5 sigarette al giorno)

[#1]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile Utente, di solito il recupero da tali situazioni non è veloce, deve avere pazienza ed essere costante nella fisioterapia. Sconsiglio l'applicazione di qualsiasi forma di calore. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie! Vorrei capire inoltre se è plausibile che in una frattura non scomposta possa recidersi il legamento, visto che non ho trovato nulla di simile cercando in rete.

[#3]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Purtroppo in un trauma può accadere, Il gomito è una articolazione complicata e ci sono tante possibilità di lesione. Coraggio, avanti con la fisioterapia e piano piano i movimenti aumenteranno. Saluti cordiali.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#4] dopo  
Utente
Ancora due domande e poi mi eclisso :)

Visto che, dopo esercizi prolungati, il gomito tende a gonfiarsi e riscaldarsi (da cui intuisco derivi il suo consiglio sull'evitare fonti di calore), è opportuno applicare spesso del ghiaccio o c'è qualche controindicazione?

Ho sentito parlare dello sblocco in narcosi. Anche se è prematuro parlarne adesso, dopo quanto tempo potrei vagliare una simile ipotesi, tenendo conto delle controindicazioni e dei rischi?

Grazie ancora per la sua disponibilità

[#5]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Il calore va evitato per il rischio di provocare delle calcificazioni nel gomito e nei muscoli che lo corcondano. Il ghiaccio va benissimo, non più di 20 minuti ogni volta e con un panno per proteggere la pelle dall,ustione da freddo. E' ancora molto prematuro parlare di sblocco in narcosi, che va fatto solo in casi selezionati. Faccia fisioterapia e una volta al mese magari faccia vedere i suoi progressi al suo ortopedico. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it