Utente
Buonasera riscrivo su questo sito in quanto non ho più ricevuto risposta al mio post.
Sono stata operata circa un anno fa per rottura menisco esterno a manico di secchio, ma ho ancora dolore al ginocchio sia nella parte esterna sia sotto e di fianco alla rotula nella parte interna.
Ho fatto la rmn e il risultato è: esiti di regolarizzazione artroscopica della fibro-cartilagine meniscale esterna con residuo correttamente inserito circondato da reazione sinoviale iperplastica specie lungo il suo corno anteriore dove si correla a fenomeni di alterato carico biomeccanico compartimentale femoro-tibiale esterno caratterizzati da aree localizzate di edema della midollare scheletrica nel contesto della spongiosa del piatto tibiale e del condilo femorale affrontati con piccola area di condromalacia lungo la convessità articolare anteriore del condilo femorale.
Rotula modestamente extra ruotata con profilo cartilagineo articolare ridotto in paramediana esterna.
Tutto il resto è ok a parte dei fenomeni meniscosici al menisco interno.
L'ortopedico che mi ha operato mi ha detto di fare magnetoterapia per un mese, ma dopo la cura il dolore è ancora presente.
Quali altre cure sono possibili? Dovrò convivere con questo dolore? L'intervento non è andato bene? Il problema è la rotula? Dopo l'operazione ho fatto fisioterapia come mi ha prescritto il chirurgo, ma sempre accompagnata dal dolore.
A questo ginocchio sono stata operata due anni e mezzo fa di lateral release per iperpressione rotulea esterna, difatti non mi spiego come mai la rotula sia nuovamente extraruotata (come risultava nella rmn prima del lateral release).E' normale? Forse quell'intervento non era andato bene? O la rotula si è rispostata adesso con il secondo intervento?
Sarei contenta se qualcuno potesse schiarirmi le idee.Grazie

[#1]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente, bisogna innanzitutto capire quanto dei suoi dolori è dovuto all'alterazione del comparto esterno (che si consuma sempre di più una volta che per forza si deve togliere un menisco laterale) e quanto all'alterazione della rotula. Il lateral release può non risolvere del tutto i problemi del mal posizionamento rotuleo se ci sono alterazioni meccaniche del lavoro rotuleo che il suo ortopedico può valutare tranquillamente. Potrebbe provare con delle infiltrazioni di acido ialuronico per nutrire la cartilagine consumata, oppure potrebbero servire un rinforzo specifico del muscolo vasto mediale obliquo, interventi di trasposizione della tuberosità tibiale se il problema deriva soprattutto dalla rotula, osteotomie di tibia se il ginocchio è valgo, ma sono tutte supposizioni perché non potendola visitare non possiamo fare diagnosi. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per avermi risposto subito. Ho già effettuato poco prima del secondo intervento un ciclo di infiltrazioni, ma senza esito. Ora sto continuando con il rinforzo del quadricipite, ma anche questo per ora senza esito. Il ginocchio fa male tutti i giorni, anche se saltuariamente, ma se estendo il ginocchio e poi lo piego in questo movimento a volte si sente uno schiocco e/o dolore che mi sembra derivare dalla rotula perchè mi è capitato anche di sentire uno strano movimento dentro, tipo qualcosa che si sposta. Anche il fatto che il ginocchio ogni tanto mi cede mi spaventa un po' perchè prima o poi mi ritroverò sicuramente per terra!Mi capita anche di sentire qualcosa sotto la rotula che rende il ginocchio un po' incastrato, poi con alcuni "calci" si sblocca con un rumore. Il dolore è sia dove si trova il menisco esterno e anche sotto e di fianco alla rotula, come avevo prima del lateral release. Difatti con il senno di poi forse non mi sarei fatta operare, ma solo ora ho capito che il lateral release può non risolvere tutti i problemi!!! Il mio ortopedico dice che è normale tutto ciò, ma inizio ad avere un po' di dubbi!

[#3]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente, purtroppo mi devo fermare qui, solo con una valutazione diretta si può andare avanti con il processo diagnostico-terapeutico, quindi ne parli col suo ortopedico. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottore, purtroppo per una visita dal mio ortopedico dovrò aspettare circa tre settimane. Nel frattempo sto continuando con il rinforzo muscolare in palestra.
La scorsa settimana,però, mentre mi stavo alzando dalla sedia la tibia e il piede sono rimasti fermi mentre il ginocchio è la coscia hanno ruotato, subito ho sentito dolore e un qualcosa di strano dentro poi pian piano sembrava esser passato tutto. Il mattino dopo non riuscivo ad appoggiare il piede dal dolore nella parte interna del ginocchio. Attualmente riesco a camminare, anche se il ginocchio fa male, ma la specie di blocco che le avevo scritto nel post precedente ora è diventato più frequente: mi capita quattro o cinque volte al giorno e anche il ginocchio lo sento poco sicuro. Inoltre alcuni esercizi che prima facevo senza particolari problemi in palestra, ora sono diventati dolorosi (specie quando devo piegare la gamba all’indietro verso il gluteo).
Secondo lei posso aver compromesso qualcosa nel ginocchio nel momento in cui mi sono alzata dalla sedia?
Sicuramente andrò dall’ortopedico, ma come le ho detto ho l’appuntamento tra tre settimane. Nel frattempo posso fare qualcosa per alleviare il dolore? Secondo lei può essere successo qualcosa?
La ringrazio, Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Sembrerebbe un dolore riferibile al menisco mediale, ma non posso dirlo con certezza. Per adesso eviti i movimenti e gli esercizi dolorosi, non stia accucciata sulle ginocchia e si rechi dal suo medico curante che intanto può prescriverle degli antinfiammatori se lo ritiene utile. In attesa della visita ortopedica, porgo cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#6] dopo  
Utente
Gentile Dottore la ringrazio per la risposta. Sulla rmn di settembre per il menisco mediale c’era scritto: relativo assottigliamento del menisco interno su base meniscosica. Questo cosa vuol dire? Era rotto? Quasi rotto? Basta un piccolo trauma per rompersi o è normale?
Comunque a distanza di circa 10 giorni dal “trauma” i sintomi sono una specie di incastro in cui mi sembra di avere qualcosa nel ginocchio e dolore nella parte interna tipo pizzicotto o ago: questo però non sempre è presente, tutti i giorni c’è ma non per tutto il giorno, quindi credo che la situazione non sia drammatica!
Il medico curante intanto mi ha scritto una rmn nell’attesa della visita dall’ortopedico.
La ringrazio
Cordiali saluti

[#7]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente, un menisco degenerato può a volte rompersi anche per movimenti banali. Ma non stia a fasciarsi la testa su quello che diceva la RM, si faccia vedere e se la visita e la Rm confermano una lesione meniscale, non necessariamente su deve operare, dipende da più fattori che lo specialista saprà valutare con lei. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore,
l'aggiorno sull'esito della rmn:
Modesti fenomeni meniscosici a carico del menisco interno.
Rotula lievemente extraruotata con profili cartilaginei femoro rotulei modicamente assottigliati in paramediana esterna.
Il trofismo osseo è discretamente conservato.
Esiti di regolarizzazione meniscale esterna con residuato regolare.
Tutti i legamenti sono regolari.
La prossima settimana andrò dall'ortopedico, ma quindi credo che il dolore non sia imputabile al menisco interno che è sano. Quando il ginocchio si incastra potrebbe essere la rotula che fa un movimento strano? E' normale che dopo un lateral release la mia rotula sia ancora extraruotata?
Spero in una sua opinione.
Grazie

[#9]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente, non ho capito, ha eseguito una nuova RM? Ha fatto la visita ortopedica?
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#10] dopo  
Utente
Buongiorno.
no non ho ancora fatto la visita ortopedica in quanto dovevo aspettare l'esito della rmn prescrittami dal medico curante quando sono andata a chiederle degli antinfiammatori come mi aveva consigliato Lei nella risposta del 13 novembre. Dall'ortopedico andrò alla fine della prossima settimana. Nel frattempo pero' vorrei capire (se si può) se il blocco e il dolore che ho possono essere causati dalla rotula o se è la meniscosi.

Grazie
Cordialmente

[#11]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Potrebbe essere il menisco ma anche la rotula, purtroppo senza visita non è possibile dirlo. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#12] dopo  
Utente
Buonasera, ho fatto la visita dall'ortopedico e dovrò effettuare una plastica di ritensionamento dell'alare mediale. Mi ha spiegato che non sarà in artroscopia e che per un po' dovrò portare le stampelle senza piegare la gamba in quanto dentro deve sistemarsi il tutto. Però vorrei cercare di capire meglio di cosa si tratta e se è un intervento che ha successo.
Grazie
Cordiali saluti

[#13]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente, il suo ortopedico ritiene che non basti "allentare" in artroscopia l'alare laterale, per far lavorare meglio la rotula, ma che si debba "accorciare" l'alare mediale, e questo si fa tramite un taglietto al lato della rotula e dei punti che tirano il ligamento. Poi dovrà stare un pò di tempo a riposo per far formare bene la cicatrice interna e ricominciare a piegare il ginocchio con la fisioterapia. Se l'indicazione è corretta, ci sono buoni risultati. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#14] dopo  
Utente
Grazie per la risposta. Allora ho capito bene quello che mi ha spiegato il mio ortopedico, solo che presa dall'agitazione di un nuovo intervento alcune cose me le ero dimenticate. Da quanto ho capito i tempi di recupero non sono molto brevi!
Grazie e cordiali saluti

[#15] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
sono stata operata un mese fa per la ritensione del legamento (come le avevo scritto nel post precedente, fatta perchè la rotula si sublussava e mi faceva bloccare il ginocchio)e in più mi è stata fatta una condroplastica ed una sinoviectomia.
Ora da circa due settimane ho potuto cominciare la fisioterapia (dopo aver passato tre settimane con la gamba bloccata in estensione), ma noto che non ho problemi in estensione che è quasi completa, mentre la flessione per ora è quasi 90 gradi. L'ortopedico non lo vedrò fino al prossimo controllo che sarà verso la fine del mese, il fisioterapista non mi ha detto se con i tempi siamo giusti o meno, ma arrivare quasi a 90 gradi dopo due settimane di fisioterapia non è poco? Per questo motivo non ho ancora potuto abbandonare le stampelle, anche perchè il muscolo del quadricipite è ancora molto piccolo e la gamba trema e cede. La mia paura è quella che si possano formare aderenze e dover subire un'ulteriore intervento per la "pulizia". Dovrei dire al fisioterapista di accelerare con i tempi o secondo lei i tempi sono giusti dopo un intervento come il mio?
Il ginocchio è ancora un pò gonfio con un po' di lividi sparsi e la cicatrice fatta per la ritensione del legamento sembra ancora un po' aperta in un piccolo punto ed è un po' gonfia.
La ringrazio se vorrà rispondere alle mie domande
Cordiali Saluti

[#16]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente, arrivare a novanta gradi dopo due settimane non è affatto male. Sta alla sensibilità del terapista valuta quanto "osare" di volta in volta, quindi si affidi e si impegni, perché in queste cose la riabilitazione è lunga. Cordialità.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#17] dopo  
Utente
La ringrazio per la veloce risposta. La mia paura era di essere indietro con i tempi di recupero. Mi armerò di pazienza per recuperare al meglio.
Grazie
Cordiali saluti