Utente
Buongiorno, mi chiamo Anna ho 27 anni e da qualche tempo soffro di dolori alla schiena, esattamente la parte bassa (lombare) non è un dolore acuto e non ho alcuna difficoltà a compiere movimenti o a sollevare pesi (mi capita spesso x lavoro). é come se la schina fosse eccessivamente curvata verso l'interno (o la snsazione che si stia spezzando!!)e provo sollievo soltanto piegandomi in avanti arcando la schiena (come per compensare)Ho anche un lieve fastidioalle gambe(come debolezza o intorpidimento ma molto lieve). Ho iniziato ad avvertire questo fastidio a novembre 2007 e dopo qualche giorno con il cerotto voltadol è diminuito fino a passare. Qualche giorno fa si è ripresentato (nessuno sforzo almeno nell'immediato) compare lentamente giorno per giorno, mi ci sveglio la mattina e aumenta quando sto in piedi( specie per periodi lunghi senza sedermi). Ho provato a spingere la parte ma non sento alcun dolore o fastidio particolare solo massaggiando la parte lombare ho notato (da entrambe i lati, quindi non so se è fisiologico) una specie di pallina che si muove sotto le mani e ho avuto la sensazionee che forsse una contrattura un accavallamento o qualcosa di simile (anche se al tatto non fa male). Ho intenzione di fare una lastra ma vorrei evitare ulteriori radiazioni (ne ho fatte molte negli ultimi 2 anni a causa di linfoma hodgkin in remissione da dicembre 2006) quindi vorrei sapere se intanto con la semplice spiegazione del dolore si può vagamente capire qualcosa.. grazie 1000

[#1]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Salve Anna,

le caratteristiche del dolore, il fatto che le passi quando si piega in avanti, che le aumenti in posizione eretta, porta a pensare ad una sindrome interfaccettale, cioe' un disturbo a carico delle faccette articolari che sono quella regione anatomica delle vertebre, oltre al disco intervertebrale, che consente l'articolazione di una vertebra con le vertebre contigue.
Le consiglio una visita fisiatrica, credo che potra' indicarle un opportuno trattamento.
Un saluto.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#2]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Mi permetto di intervenire gentile signora Anna, per complimentarmi con il collega Dott. Sailis per il suo brillante consulto! Mi fa immenso piacere leggere quanto lui scrive e che da tempo dico e ripeto e che tanti ortopedici e fisiatri sanno bene .
Il collega Sailis dice proprio il vero e spesso una dorso- lombalgia od una lombalgia pura, a volte anche una lombosciatalgia sono causate da tale substrato anatomo-patologico". Quando si parla di patomeccanica delle dorso-lombalgie e lombalgie da sindromi delle faccette articolari ".
Tanto care a Robert Maigne, il collega parigino che le ha descritte brillantemente per la prima volta. Altro che sindrome da malocclusione dentaria e sindromi posturali, altro che byte e magneti e plantari, altro che indagini a tappetto e prescrizioni di routine e ripetute di rxgrafie, esami di emg. o rmn .
Valutando clinicamente, con attento e specifico esame clinico funzionale il rachide e gli arti inferiori e la deambulazione, oltre ad un esame radiografico, si riesce a fare diagnosi chiara . Un trattamento farmacologico e fisiochinesico, come giustamente dice il collega Sailis,in tali casi clinici spesso le mobilizzazioni o le manipolazioni vertebrali, risolvono quasi sempre il problema.
Cordialmente
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#3]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gentile signora è evidente che seguirà i consigli del collega Sailis e farà un consulto fisiatrico, sarà poi lo specialista che valutando il suo pregresso patologico (il linfoma)e lo stato attuale clinico, stabilirà quali accertamenti diagnostici eseguire. Ma una semplice radiografia nelle due proiezioni ortogonali è evidente che non influirà negativamente.
Cordialmente
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#4] dopo  
Utente
Vi ringrazio immensamente per le cortesi e celeri risposte. Seguirò i vostri suggerimenti. solo un particolare che non ho scritto nella mia richiesta. La posizione china in avanti è l'unica che mi da sollievo ma ho notato che quando mi piago ho la sensazione che stia tirando qualcosa sempre nella parte lombare. Non riesco a localizzare la parte dove avverto questo perchè è tutto molto indefinito forse più dal centro della zona lombare.. non so se può essere un ulteriore dettaglio!!

p.s. ho provato a sollevare la gambe da sdraiata e a fare qualche manovra che ho letto su internet ma non avverto nessun dolore acuto e non ho nessuna limitazione dei movimenti!!

grazie

[#5]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Grazie per l'ulteriore precisazione.
Ci faccia sapere come priocederanno le cose.
Un saluto.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com