Utente
Salve,
circa 3 anni fa ho iniziato ad avvertire un dolore al ginocchio sinistro, dolore che andò aumentando fino ad impedirmi addirittura di premere il pedale della frizione dell’auto.
Allora su consiglio del medico di base feci una RMN al ginocchio la cui diagnosi riporto qui di seguito. Irregolarità delle contrapposte superfici femoro-tibiali come per condropatia con reperto che risulta più significativo in sede compartimentale mediale; in particolare a livello del piatto tibiale mediale, in sede marginale si apprezza una area di alterazione dell’intensità di segnale da riferire verosimilmente a sofferenza ossea su base distrofica. Sovvertimento strutturale del menisco interno in corrispondenza della regione posteriore del corpo posteriore con presenza a tale livelli di fenomeni di sfaldamento degenerativo e parziale macerazione della struttura meniscale. Nella norma le strutture legamentose del pivot centrale e il menisco esterno.
Disomogeneità delle contrapposte superfici articolari femoro-patellari come per condropatia di alto grado con presenza di minima sofferenza dell’osso subcondreale. Nell’articolazione è presente un modesto impegno reattivo sinoviale diffuso con modica quota di versamento nei recessi superiori.
In base a questa diagnosi feci dapprima una visita dall’ortopedico che mi consigliò di operarmi in artroscopia fare una pulizia del menisco e fare delle punture interarticolari di acido ialuronico.
Il fisiatra mi ha invece sconsigliato l’intervento e mi ha suggerito di fare delle infiltrazioni di acido ialuronico (HYALUBRIX da 60ml) ogni 4-5 mesi.
In effetti con queste infiltrazioni e un po’ di fisioterapia (laser e tecarterapia ) il dolore al ginocchio scompariva per 4 mesi per poi ripresentarsi come prima.
Il fisiatra allora mi ha consigliato di fare infiltrazioni con HYMOVIS, dal costo abbastanza elevato però a suo dire un prodotto di ultima generazione che mi avrebbe garantito di prolungare il periodo tra una infiltrazione e l’altra.
Dopo l’infiltrazione di questo prodotto per circa un mesetto non ho avuto alcun apprezzabile miglioramento dal punto di vista del dolore.
Allora il mio medico di base mi ha consigliato di provare delle bustine che si chiamano CHONDROVITA (non specifico la composizione dei prodotti perché sicuramente la già conoscete), le ho prese per due mesi alternati. La situazione dopo un mese dalla infiltrazione e con l’assunzione di queste bustine è andata via via migliorando, adesso sono passati più di otto mesi dall’infiltrazione e il ginocchio non mi fa male. Mi chiedo… sarà per effetto dell’infiltrazione o delle bustine?? Mah!! E soprattutto mi chiedo quando finirà questo stato di grazia?? Nel frattempo un amico mi ha parlato di un integratore chiamato AGEL FLEX, un gel da assumere oralmente, sempre a base di condroitina che a quanto pare è il più efficiente in circolazione.
Secondo voi questo approccio terapeutico che sto seguendo è corretto? Questi farmaci sono effettivamente quelli più indicati nella mia situazione? Vi ringrazio sentitamente.

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
sarà per effetto dell’infiltrazione o delle bustine??
DIREI DI ENTRAMBE LE COSE!!!

quando finirà questo stato di grazia??
CREDO NON SIA POSSIBILE RISPONDERE CONCRETAMENTE NEMMENO SE LA POTESSIMO VISITARE MENE CHE MENO POTREMMO RISPONDERE ATTRAVERSO UN CONSULTO ON LINE

APPROFITTO PER DIRLE CHE MI TROVO PIU' D'ACCORDO CON IL SUO FISITRA VISTE LE RISULTANZE DELLA TERAPIA ESEGUITA SINORA
PERALTRO VA AGGIUNTO CHE IN PRESENZA DI REALE CONDROPATIA NON VI PUO' ESSERE UNA REALE E TOTALE GUARIGIONE PERENNE MA UN MIGLIORAMENTE PIU' O MENO DURATURO A SECONDA DELLA BONTA' DELLE CURE IN ATTO

un integratore chiamato AGEL FLEX
RIMARREI SU INTEGRATORI PIU' CLASSICI ASSOCIATI ALLE INFILTRAZIONI

Cordiali saluti

Dr. Roberto LEO