Utente
Buongiorno, a giugno 2012 in seguito a un trauma nel polso sinistro, ho sentito molto dolore ma credendo fosse una semplice slocatura ho ignorato la cosa pensando passasse in breve tempo. Il dolore non è passato e anzi si è formato con il tempo anche un gonfiore sul dorso. Ho fatto una visita e mi è stato diagnosticato un igroma; il consiglio del medico è stato quello di provare con ultrasuoni. Sono quindi andato in una clinica in cui mi hanno fatto fare, oltre agli ultrasuoni, anche laser e terapia occupazionale. Dopo 10 sedute non ho visto alcun miglioramento, anzi, il dolore e l'igroma erano aumentati. Allora il 28 maggio 2013 sono stato operato e l'igroma mi è stato rimosso chirurgicamente (non tramite artroscopia). Dopo 4 giorni ho rimosso la fasciatura e dopo 2 settimane i punti. Durante queste 2 settimane le dita e la mano mi sono gonfiati molto e il pollice è diventato pieno di lividi. Tolti i punti sono stato circa 2/3 giorni prima di poter muovere leggermente il polso su e giù perchè il dolore è ancora molto forte, ma adesso che riesco a muoverlo un pò ho notato che il rigonfiamento è ancora presente, anche se in misura minore.
Cosa ne pensate? Può essere una recidiva dopo neanche 3 settimane dall'operazione?

[#1]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

probabilmente si trattava di un ganglio artrogeno, un'ernia dell'articolazione del polso.

Un periodo di immobilizzazione troppo breve puo' favorire una recidiva, anche precoce.

Non so se questo e' il caso, potendosi trattare anche di un semplice edema della zona operata: in questo caso, gradualmente dovrebbe riassorbirsi.

Buon pomeriggio.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#2] dopo  
Utente
Il chirurgo mi disse che si trattava del liquido che lubrifica le articolazioni, il quale, in seguito al trauma, è fuoriuscito ed ha formato il ganglio.
C'è un modo per capire se effettivamente si tratta di una recidiva o di un edema? Qualora fosse edema, in quanto tempo si dovrebbe riassorbire?
Nel caso in cui fosse una recidiva, il secondo intervento va fatto subito o dopo che si riprende la completa mobilità del polso?

Grazie

[#3]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Quindi è un ganglio artrogeno.

Per capire, dovrebbe fare un'ecografia.

L'eventuale nuovo intervento non va fatto adesso: è troppo presto.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale