Utente
Gentili dottori , vi ringrazio sin da ora per le risposte che mi verranno fornite, pongo questo quesito nell'attesa di effetuare una rmn alla mano.
Ho riportato una infrazione dello scafoide alla mano sx,perchè sono stata aggredita e spinta terra in modo violento da persona sconosciuta. Dopo 60 gg. di gesso questo mi è stato rimosso e constatata la piena guarigione dell'infrazione allo scafoide, una volta tolto il gesso però ho subito avvertito un dolore forte e la mancanza di poter piegare il dito mignolo. L'ho subito fatto notare all'ortopedico ma questi mi ha detto che era normale dopo 60 gg. di immobilizzazione e di fare fisioterapia.
Faccio una premessa in tutto il periodo che ho portato il gesso non ho mai accusato dolore al mignolo,
come consigliatomi dall'ortopedico sono andata subito da un fisioterapista , ho eseguito visita con il fisiatra che ha consigliato della magnetoterapia e di fare degli esercizi da eseguire con una pallina acquistata in sanitaria. Porto un tutore con stecche ,come consigliatomi dall'ortopedico che ha rimosso il gesso , questi mi ha detto di usarlo di giorno qualche ora e di metterlo alla notte per 15-20 gg. onde evitare che mi si giri il pollice.
Faccio presente che quando metto il tutore , il mignolo non mi fa male mentre il pollice andrebbe in sofferenza perchè ha ripreso bene la sua funzionalità. Oggi la fisioterapista si è rifiutata di proseguire con le terapie perchè secondo lei c'è una lesione del tendine estensore del mignolo visti i dolori che il mignolo continua ad avere, mi ha detto che sino a che non ho l'esito della rmn lei non prosegue con le terapie .
Dato che per la rmn malgrado a pagamento l'avrò per lunedì 16 giugno , vorrei sapere e capire se quello che dice la fisioterapista può essere vero.
Ora a distanza di nove giorni continuo ad accusare dolore , gonfiore e la quasi mancanza di poter piegare il dito mignolo , se tento di piegarlo il dolore si irradia dalla prima falange sino al polso , non posso tentare di aprire la mano completamente perchè sento un forte dolore.
Grazie e cordiali saluti .
Elisabetta

[#1]  
Dr. Michele Milano

48% attività
0% attualità
20% socialità
CINQUEFRONDI (RC)
MONCALIERI (TO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
L'impossibilità di piegare un dito indica un deficit del tendine flessore e non del tendine estensore.
Tanto per esser chiari:
se lei non riesce a raddrizzare il dito e il dito rimane piegato ha una lesione dell'estensore;
se lei non riesce a piegare l'ultima falange del dito ha una lesione del tendine flessore profondo
Se lei non riesce a piegare l'intero dito ha una lesione del flessore superficiale.
E' decisamente strano che una lesione si manifesti a distanza di due mesi dall'evento traumatico. E' molto più probabile che la prolungata immobilizzazione possa aver determinato delle aderenze. In questo caso la RMN, ma anche un'ecografia ben eseguita, possono inidirizzarla verso la giusta strada.
Tanti auguri
Dr. M. Milano
drmilano@libero.it - www.lamanoedintorni.altervista.org
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#2] dopo  
Utente
La Ringrazio dr. Milano per la sua spiegazione e veloce risposta, io non riesco a piegare il dito e allo stesso tempo il dito ha assunto una posizione un po' arquata.
Ora lunedì eseguirò una rmn e attenderò l'esito, nel caso si siano formate delle aderenze che strada dovrò percorrere??
Grazie ancora e saluti .
Elisabetta

[#3]  
Dr. Michele Milano

48% attività
0% attualità
20% socialità
CINQUEFRONDI (RC)
MONCALIERI (TO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Se la fisioterapia non dà risultati l'unica è fare una tenolisi (ovvero un intervento chirururgico finalizzato alla liberazione del tendine).
Dr. M. Milano
drmilano@libero.it - www.lamanoedintorni.altervista.org
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#4] dopo  
Utente
Ancora grazie dottore per la spiegazione che mi ha dato , appena avrò eseguito la rmn le farò sapere.
Saluti
Elisabetta

[#5] dopo  
Utente
Gentile dr. ho eseguito rmn alla mano , nel referto viene riportato che tendini e legamenti sono a posto . Una modesta quantità di liquido sinoviale a livello delle articolazioni del carpo , e una IRREGOLARE PER VEROSIMILE ESITO DI PARZIALE LACERAZIONE DELLA FIBROCARTILAGINE TRIANGOLARE.
Questa irregolare lacerazione porta a un intervento chirurgico ??
Ringrazio per la risposta
cordiali saluti.
Elisabetta

[#6]  
Dr. Michele Milano

48% attività
0% attualità
20% socialità
CINQUEFRONDI (RC)
MONCALIERI (TO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Direi proprio di no. La fibrocartilagine triangolare (una sorta di menisco del polso) viene tratta chirurugicamente solo in caso di lesioni importanti (e non mi pare questo il caso).
Stia pure tranquilla
Dr. M. Milano
drmilano@libero.it - www.lamanoedintorni.altervista.org
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#7] dopo  
Utente
Gentile dottore ,
la ringrazio per la pronta e solerte risposta , che mi ha dato .
Ora mi affiderò nuovamente al fisioterapista.
Grazie e cordiali saluti.
Elisabetta