Utente
Sono un uomo di 49 anni e da circa una ventina di giorni a questa parte soffro di un dolore acuto all'avanpiede destro, che si manifesta improvvisamente, come fossi punto da una serie d'aghi, con una sensazione di scossa.
Localizzo il dolore nella parte inferiore del piede due/tre cm a monte dell'attaccatura del 2°/3° dito del piede.
Posso rimanere anche un'intera giornata senza avvertire niente e poi, all'improvviso, di giorno o di notte, avverto la scossa, che dura qualche secondo e si ripete tre o quattro volte nell'arco di 10 minuti, per poi passare.
Ho notato che talvolta la scossa può essere provocata se comprimo la parte inferiore della coscia con la mano.
Preciso che da un mese a questa parte, con la fine della bella stagione, ho sospeso la non impegnativa attività fisica in bicicletta che svolgevo.
Ringrazio sin d'ora per le indicazioni che potrò ricevere.

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
la sensazione che lei riferisce potrebbe essere causata da un cosiddetto "neuroma di Morton" una patologia neurologica che copisce un piccolo nervo sensitivo interdigitale che rigonfiandosi (neuroma) fa partire sensazioni falsate a livello del piede tra cui dolore e scosse elettriche.
La conferma di tale patologia e' innazitutto clinica e poi strumentale nel senso che si puo' eseguire un buona ECOGRAFIA o, meglio ancora, una RMN che potrebbero portare ad evidenziare il suddetto rigonfiamento nello spazio interdigitale.
La terapia poi, qualora la diagnosi fosse confermata (indispensabile un visita clinica) parte da 1 o 2 infiltrazioni con cortisone nello spazio interdigitale per arrivare sino alla potenziale exeresi chirurgica (asportazione del rigonfiamento) attraverso un piccolo intervento.
Cordiali saluti
Dr. Roberto LEO

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dott. Leo,
La ringrazio molto per la tempestiva ed esauriente risposta.
Se mi presentassi alla visita con ecografia o RMN effettuata, le infiltrazioni possono essere fatte in tale contesto ? Dopo l'infiltrazione sarà possibile camminare normalmente ?
Se sì, anche se Milano non è comodossima per me e se Lei fosse disponibile, potrei venirLa a trovare.
Molte grazie ancora.

[#3]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Se il medico che eseguira' la visita fosse concorde con la terapia infiltrativa ritengo che giungendo alla visita con ECO e/o RMN si possa eseguire una infiltrazione.
Si dopo l'infiltrazione si puo' deambulare normalmente!
La saluto cordialmente.
Dr. Roberto LEO