Utente 395XXX
Buongiorno gentili dottori,
sono diversi giorni che provo a chiedere questa richiesta di consulto e finalmente sono riuscito. Circa 20 giorni fa mi sono traferito a Bruxelles per lavoro e portando giu dalle scale di un hotel due pesanti valigie di circa 30 kg in totale ho poggiato male il piede sinistro e il mio ginocchio, e quindi tutta la parte inferiore dell'arto ha subito una torsione verso l'esterno, ho sentito un forte dolore che mi ha portato a tirare un urlo e sono caduto per terra. In quel momento mi trovavo sdraiato con l arto completamente storto e la rotula completamente uscita a sinistra, stavamo per chiamare un ambulanza ma un passante mi ha tranquillazzato e dopo pochi istanti senza in mio consenso mi ha tirato la gamba facendomi rientrare in ginocchio e raddrizando la gamba. Dopo aver applicato ghiaccio mi sono recato subito in pronto soccorso dove dopo una radiografia mi e stato detto che non c era nulla di rotto a livello osseo e che sarei tornato a camminare normalmente dopo 3 giorni. Passata una settimana e continuando ad avere il ginocchio molto gonfio e impossibilita a drizzare la gamba e a fletterla oltre i 90 gradi mi reco da un ortopedico che dopo aver sentito la mia storia e dopo avermi visitato mi dice che ho subito una lussazione della rotula con possibile interessamento del menisco. Mi ha prescritto una RM e portare un tutore, rigido ai lati al ginocchio. Domenica, 3 giorni fa ho fatto la RM, e recatomi dal medico ortopedico mi ha detto che il menisco e a posto ma c e una rottura nella parte interna alla rotula, per la barriera linguistica non ho capito di cosa si possa trattare, forse un legamento?sicuramente voi potete aiutarmi su cosa possa essere ma comunque glielo chiederò e vi aggiungerò questa notizia. Mi ha detto inoltre che con un trattamento conservativo fatto di utilizzo del tutore per lungo tempo per portare la rotula verso l interno, fisioterapia e punture contro la trombosi avrei potuto risolvere nel giro di 2-3 mesi come approccio alternativo alla chirurgia. A oggi ho il ginocchio ancora gonfio di verosimile versamento, difficolta a tenere dritta completamente la gamba, forse dovuto anche da mio errore di dormire con cuscino sotto al ginocchio e non sotto al piede,quasi impossibilita a flettere oltre i 90 gradi l arto, e fitte non costanti ma frequenti quando cammino nel punto della rottura ossia alla destra della rotula e senzazione di tensione nella parte posteriore sopratutto interno al tentativo di completa estensione e cambio abitudine, in compenso rispetto all inizio un leggero e lento miglioramento. Martedi comincero la fisioterapia, volevo chiedervi seppur con i limiti della distanza se dopo 20 giorni e normale avere ancora questi sintomi, di cosa si possa trattare e se questo approccio conservativo possa aiutarmi almeno a farmi tornare a camminare normalmente e a far le scale in quanto ora non riesco, vorrei iniziare a lavorare ma il mio lavoro richiede 8 ore in piedi mi chiedo quando e se potrò cominciare. Ringraziandovi in anticipo aspetto vostre risposte.

[#1]  
Dr. Enrico Sebastiani

28% attività
16% attualità
0% socialità
FOLIGNO (PG)
TERNI (TR)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2019
Buongiorno,
probabilmente si è lesionato un legamento tra femore e rotula detto legamento patello-femorale mediale (MPFL è l'acronimo inglese). E' importante che svolga con continuità la fisioterapia consigliata. Il deficit di estensione (non riuscire ad allungare completamente il ginocchio) va recuperato quanto prima con ausilio di un terapista.
Quando potrà tornare a lavorare si stabilirà con le visite di controllo che farà, in genere sono necessari in media 2-3 mesi

cordialità
Enrico Sebastiani
Dr. Enrico Sebastiani
Medico Chirurgo
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
Dirigente Medico Ospedale S. Giovanni Battista di Foligno

[#2] dopo  
Utente 395XXX

Buonasera dott. Sebastiani la ringrazio molto per la sua pronta risposta, ho gia iniziato la fisioterapia domani ho la seconda seduta. Zoppico ancora vistosamente ma riesco a camminare con il tutore ma provo a farlo il meno possibile tenendo sembra la gamba a riposo il piu dritta possibile, mi sono stati consigliati due esercizi da svolgere a casa. A distanza di un mese circa dall accaduto è normale avere ancora questi sintomi?? La soluzione conservativa è la piu indicata per il mio caso? a volta inoltre se provo a mettermi sul fianco sento come una sorta di torsione all interno del ginocchio e invece quando a tenere la gamba dritta se vado troppo oltre a volte sento come una sensazione molto dolorosa difficile da spiegare. È presente ancora versamento e quindi ginocchio gonfio. Attorno al 10 maggio dovrei iniziare il lavoro, a paura di non farcela la il fisioterapista mi ha detto che dovrei recuperare per quel giorno, non so mi dica lei.

[#3]  
Dr. Enrico Sebastiani

28% attività
16% attualità
0% socialità
FOLIGNO (PG)
TERNI (TR)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2019
Il ginocchio ha bisogno di fisioterapia e di un po di tempo per recuperare. Se svolge gli esercizi e la fisioterapia con costanza credo che per il 10 maggio potrà aver recuperato buona parte della funzionalità del ginocchio.
Raramente si consiglia un intervento chirurgico se è stata la prima volta che le capita una lussazione di rotula; se mai dovesse ricapitare eventualmente si potrebbe ricorrere alla chirurgia
Dr. Enrico Sebastiani
Medico Chirurgo
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
Dirigente Medico Ospedale S. Giovanni Battista di Foligno

[#4] dopo  
Utente 395XXX

La ringrazio molto dottore delle sue risposte, posso tenerla aggiornata e ne caso farle qualche domanda?? Dimenticavo di chiederle se è normale che sia ancora del gonfiore e a volte delle fitte proprio nel punto della rottura. Grazie mille in anticipo.

[#5]  
Dr. Enrico Sebastiani

28% attività
16% attualità
0% socialità
FOLIGNO (PG)
TERNI (TR)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2019
qualche dolorino e gonfiore son normali.
Rimango a disposizione
Dr. Enrico Sebastiani
Medico Chirurgo
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
Dirigente Medico Ospedale S. Giovanni Battista di Foligno