Utente 555XXX
soffro da quasi due anni di forti dolori all'inguine dx e gluteo
effettuata rx anca e bacino 07/2019
esito
Bacino Simmetrico - Trofismo osseo diffusamente ridotto. Regolari le sincondrosi sacroiliache. Sclerosi dei tetti acetabolari.
A destra riconoscibili in sede acetabolare subcondrale piccole areole radio-trasparenti di tipo geodico. Irregolarita' del profilo corticale della testa del femore dx dove si osserva focale avvallamento sotteso da sfumatura areola radio-trasparente in un quadro sospetto per osteonecrosi. Osteofitosi del ciglio cotiloideo.
Lieve riduzione concentrica dello spazio articolare coxofemorale.
Osteofitosi basi cefalica femorale.
A sx discretamente conservata l'ampiezza dello spazio articolare coxofemorale, osteofitosi del ciglio cotiloideo.
Ringrazio sentitamente per la cortese risposta.

[#1]  
Dr. Emanuele Caldarella

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PARMA (PR)
RHO (MI)
COMO (CO)
MARCALLO CON CASONE (MI)
CIGLIANO (VC)
QUAREGNA (BI)
MATERA (MT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Caro utente,

il referto radiologico descrive un'artrosi dell'anca, maggiormente avanzata a destra.
L'artrosi non è altro che espressione dell'invecchiamento di una articolazione, e non necessariamente questo invecchiamento riflette l'età anagrafica del paziente in quanto può essere accelerato da diversi fattori.

L'artrosi dell'anca, quando avanzata, ha una soluzione essenzialmente chirurgica:

https://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/587-artrosi-anca-coxartrosi-protesi.html

Tuttavia, solo leggendo la descrizione di un referto è impossibile dare indicazioni cliniche nel Suo caso. Sarà necessaria una attenta valutazione ortopedica, possibilmente da un ortopedico di un centro specializzato in chirurgia dell'anca; in questo modo potrà sentire il parere di un esperto che potrà chiarire se nel Suo caso possa essere indicato (e quando) un eventuale intervento. Sebbene questo tipo di intervento sia alla portata di qualunque ortopedico e qualunque ospedale, io suggerisco sempre di affidarsi ai centri specializzati per ottenere una consulenza il più completa possibile ed aggiornata con le più recenti e meno invasive tecniche e tendenze.

Cordiali saluti
Dr. Emanuele Caldarella

Chirurgia dell'anca e del ginocchio
emanuele.caldarella@medicitalia.it