Utente 478XXX
Gentili dottori, a seguito di frattura metadiafisaria femore destro mi è stato impiantato chiodo endomidollare fissato con 2 viti, una all’altezza dell’anca e una al ginocchio.
Ora quest’ultima si è spezzata come evidenziato dall’ultima lastra effettuata.
Alla visita di controllo l’ortopedico ha affermato che non è necessario intervenire.
Secondo voi a quale tipo di problemi potrei andare incontro?
Grazie

[#1]  
Dr. Emanuele Caldarella

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PARMA (PR)
RHO (MI)
COMO (CO)
MARCALLO CON CASONE (MI)
CIGLIANO (VC)
QUAREGNA (BI)
MATERA (MT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Caro utente.

Di per sè Lei non andrà incontro ad alcun tipo di problema, con ogni probabilità, esattamente come Le ha detto il collega.
I problemi potrebbe doverli affrontare il collega che dovrà togliere il chiodo o la vite, in quanto la rimozione di mezzi di sintesi rotti è sicuramente più difficile ed imprevedibile, ma nulla che non sia di normale amministrazione per un chirurgo ortopedico. In ogni caso è impossibile da remoto darLe dettagli tecnici sulle eventuali difficoltà tecniche di una eventuale rimozione. Per tali dettagli La rimando quindi al Suo ortopedico di fiducia.

Cordiali saluti
Dr. Emanuele Caldarella

Chirurgia dell'anca e del ginocchio
emanuele.caldarella@medicitalia.it