Utente
Buonasera,
non sapevo come iniziare il titolo, sono un pò disperato perché ieri ho ritirato la RMN al ginocchio dx e leggendo cose poco belle (secondo me), ho chiesto al medico di famiglia (anche osteopata) un suo parere.
Mi ha detto: "Ma cosa hai fatto con questo ginocchio?
"
Per farla breve: ho 54 anni, atletico e sportivo, faccio sport da quando sono nato, è la mia vita.
Gioco ancora a calcio a livello amatoriale, bici, nuoto, running, palestra... mai avuti grossi problemi alle ginocchia, solo muscolari.
Circa tre mesi fa, dopo essere stato lontano dai campi di gioco 9 mesi per motivi lavorativi e per una fascite plantare, facendo running torno a casa e sento dolore nella parte ossea interna sx del ginocchio dx.
Dico passerà.
Passano le vacanze natalizie e dopo un mese il dolore aumenta e vado dal mio medico che facendo alcuni movimenti, crede sia problema al menisco mediale.
Prenoto una visita ortopedica che per motivi di salute familiari salta.
Nel frattempo il dolore non cessa ed a volte sono costretto a prendere antinfiammatori.
Non riesco a piegarlo bene perché sento pressione tutto intorno e se cammino mi fa male anche dietro al ginocchio nelle parti molli.
Arrivo alla settimana scorsa con RMN e questo è il responso:
"DISOMOGENEO SU BASE INVOLUTIVA IL CROCIATO ANTERIORE CON DISCRETA IPERTROFIA SINOVIALE CIRCOSTANTE; NEI LIMITI IL CROCIATO POSTERIORE E IL COLLATERALE ESTERNO.

ISPESSIMENTO IRRITATIVO CRONICO DEL COLLATERALE MEDIALE.

NON SONO VISIBILI LESIONI DEL MENISCO LATERALE; LESIONE DEGENERATIVA DEL CORNO POSTERIORE E CORPO DEL MENISCO MEDIALE.

SOVRACARICO FEMORO-TIBIALE MEDIALE CON FINI IRREGOLARITA' CONDRALI SUPERFICIALI DELLE LIMITANTI AFFRONTATE SENZA SEGNI DI SOFFERENZA DELL'OSSO SUBCONDRALE.

ROTULA IN SEDE CON FINI IRREGOLARITA' CONDRALI SUPERFICIALI DELLA CRESTA; IPOPLASICA LA TROCLEA FEMORALE.

ABBONDANTE VERSAMENTO ARTICOLARE.
"
Dovrei andare dall'ortopedico tra due settimane ed il mio medico stasera intanto mi ha detto cosa si potrebbe fare per tamponare.
Ma crede che nonostante 54 anni ci sono buone possibilità che dovrei affrontare un intervento di protesi al ginocchio.
Però è meglio che senta l'ortopedico ha detto lui.
Nonostante io voglia sapere la verità, la cosa mi ha un pò scioccato, io speravo in un menisco da togliere e invece potrei rischiare l'arto.
Vorrei cortesemente sentire un vostro autorevole parere senza aspettare 15 giorni.
Per favore...è dura per me.
Grazie.

M

[#1]  
Dr. Daniele Tradati

28% attività
16% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2019
Prenota una visita specialistica
Buonasera,
capisco pienamente la sua preoccupazione. Mi sento di dirle che l'affermazione della collega non è di certo tra le migliori. Innanzitutto l'indicazione alla protesi di ginocchio non PUO' essere data dopo visione di una RMN, il gold standard è la radiologia standard, in quanto la RMN sovrastima il quadro patologico.
Inoltre ci sono alternative alle protesi quali le osteotomie, che consentono di cambiare l'asse del ginocchio al fine di scaricare il compartimento interno e dare 10 o più anni di vità in più al ginocchio prima di una EVENTUALE opzione protesica (parziale o totale).
Il crociato anteriore appare degenerato in buona parte degli over50, quindi è un reperto assolutamente normale e di cui non si deve preoccupare.
Si faccia visitare da un bravo ortopedico, specialista nel ginocchio, e vedrà che con razionalità le spiegherà e farà comprendere tutto. Diffidi dai consigli eccessivamente allarmistici e non fondati sull'evidenza scientifica.

Saluti,
Dott. Daniele Tradati
Regalami un minuto del tuo tempo come io ho fatto con te, valuta la qualità della riposta lasciando una recensione.Il modo migliore per dire grazie