Utente
Buongiorno Dottori.

Circa tre settimane fa ho iniziato ad dolori alla zona lombare sinistra della schiena.

Dolori da contrattura che conosco piuttosto bene, e che con esercizi ed anti infiammatori sono scomparsi.

Ora però mi ritrovo con una sorta di infiammazione dolorosa in tutto l'osso iliaco sinistro.

Il problema è persistente nella "cresta", non so come altro definirla ma in sostanza è il margine sottostante la costole.

Se vado a tastare il bordo alto dell'osso, ho dolore su tutta il profilo, come se avessi preso un colpo.

Ho provato a usare artrosilene localmente e pastiglie di ibuprofene, ma non danno risultati.

Anche la zona dalla testa del femore avverto dolore al tatto, ma è molto più in profondità e trova sollievo con i farmaci.

La parte che mi da più preoccupazione è però quella alta, in quanto si tratta di dolore identico a quello di un trauma, che però non ho mai ricevuto.


Sono un uomo di 37 anni, sportivamente attivo (corsa+nuoto+prepugilistica) 2-3 allenamenti settimana.

Ho delle vecchie protusioni alla zona lombare, provocati da traumi da incidente stradale, con le quali però convivo da 15 anni, e sulle quali lavoro mantenendo muscolatura attiva e cololonna distesa tramite esercizi mirati.

12 mesi fa ho avuto un'altro incidente stradale in cui ho colpito in ginocchio sx, senza frattura e comunque seguito con terapie in maniera continuativa.


Il problema in cui mi trovo ora è quello di stare fermo per evitare il peggiorare la situazione, sapendo però che l'inattività fa comunque male al quadro complessivo della mia schiena, ogni volta che interrompo gli allenamenti per più di 15g avverto immediatamente l'insorgere di dolori.


come esco da questo cul-de-sac?


Grazie.

[#1]  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Gentile signore,
a distanza e' impossibile fare qualsiasi diagnosi senza poter eseguire una visita con valutazione clinica e visone diretta delle immagini. Soprattutto nel capitolo delle lombalgie che e' molto vasto.
Le posso solo dare delle informazioni generali.
In primo luogo la sua descrizione appare piuttosto generica perche' una cosa e' la linea della cresta iliaca, ben diversa e' la regione contigua all'ultime due coste della gabbia toracica.
In secondo luogo un dolore che non e' presente durante l'attivita' sportiva e sotto carico, ma che si manifesta addirittura soprattuto quando smette o a riposo gia' di per se' ha poco a che fare con una patologia discale.
Infine un dolore in sede laterale, come il suo, gia' di per se' ancora una volta si qualifica come una lombalgia atipica che, in pratica, non corrisponde con molta probabilita' ad una sede anatomica della colonna vertebrale. Piuttosto sara' necessario fare una valutazione di quelle che possono essere, invece, le altre cause di lombalgia; quelle in sede extra rachidea, che, nelle forme laterali a sin, possono riguardare il rene, l'uretere, il colon discendente, la milza e altre patologie addominali o pelviche che spesso proiettano la loro area di dolore posteriormente.
Ne dovrebbe parlare con il suo medico di base ed eventualmente chiedere una valutazione da un chirurgo generale e solo successivamente, in caso, ad un ortopedico.
Cordiali saluti
Dr. A. Valassina
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante