Utente
Buongiorno.
Chiedo do delucidazioni in merito ad un consulto avuto un paio di gg fa circa una distorsione ad un ginocchio.
Lo stesso era stato operato 5 anni fa impiantando un legamento Lars artificiale.
Lo specialista da cui sono andato ha detto che ora quel tipo di intervento non è corretto o addirittura vietato dalla comunità europea in quanto non permette la completa distensione della gamba e non dà elasticità al l'articolazione.
Lo stesso ha suggerito un doppio intervento chirurgico: uno di rimozione del Lars e uno a distanza di 5 mesi per la Ricostruzione del nuovo legamento con uno "naturale" prelevato dalla Gamba stessa.
Sottolineo che il legamento non è rotto.
È la soluzione ideale?
Faccio presente che ho oltre i 30 anni e pratico pallacanestro.
Ringrazio e saluto.

[#1]  
Dr. Daniele Tradati

28% attività
16% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2019
Prenota una visita specialistica
Buonasera,

I legamenti sintetici sono stata un'opzione molto considerata in passato per una breve finestra di tempo , adesso, a causa di un incidenza di complicazioni maggiore rispetto ai trapianti autologhi, il loro utilizzo si è ridotto in maniera molto rilevante. Ovviamente legamenti sintetici hanno caratteristiche biomeccaniche diverse rispetto ai trnfini autologhi, nonostante tutto hanno il vantaggio di non danneggiare il sito di prelievo del tendine e di garantire un recupero piu veloce.
La situazione non è sicuramente semplice da affrontare. Ci sono due scuole di pensiero: alcuni preferiscono rimuovere subito il legamento sintetico prima che questo possa rompersi al fine di evitare la formazione di frammenti di legamento che possono causare poi una reazione sinoviale e rendere quindi il secondo intervento più difficile. Altri invece suggeriscono, ai pazienti che tollerano bene questo legamento e non presentano instabilità, di mantenere la situazione così com'è, poiché è noto in letteratura che gli interventi di revisione del crociato anteriore hanno degli outcome inferiore rispetto all'intervento primario. Andrebbe capito quindi: se lei ha sintomi, dovrebbe essere quantificata l'instabilità eventuale del suo ginocchio con una visita, andrebbe effettuato una radiografia per capire se vi è stato un allargamento del tunnel del presidente crociato, andrebbe eseguita una risonanza magnetica per capire lo stato dei legamenti e della cartilagine articolare e l'eventuale presenza di un infiammazione all'interno del ginocchio ginocchio. L'argomento è ostico e non tutti gli ortopedici possono approcciarlo nel modo corretto, spero di averle spiegato il tutto in maniera relativamente comprensibile.

Cordiali saluti
Dott Daniele Tradati
Regalami un minuto del tuo tempo come io ho fatto con te, valuta la qualità della riposta lasciando una recensione.Il modo migliore per dire grazie