Utente
Salve, ho 34 anni e, da che io ricordi, ho sempre avuto un problema di perdita del senso del gusto e olfatto in occasioni di banalissimi raffreddori. Questo fino a 6 mesi fa accadeva 3-4 volte l'anno appunto in occasione di sporadici raffreddamenti che mi causavano per circa 5-6 giorni la perdita totale dei sapori e parziale degli odori. Non me ne sono mai curato data la marginalità del problema ristretto a brevi periodi. Da circa 6 mesi però il problema si è presentato più spesso e non sempre correlato a sindromi da raffreddore, fino ad arrivare negli ultimi 30 giorni alla perdita quasi totale dei sapori e parziale degli odori in modo continuativo. Da fine aprile cioè, nonostante io non sia raffreddato, riesco solo ad avvertire i sapori di cibi freddi in modo attenuato, mentre ingerendo cibi caldi il naso si chiude con senso di gonfiore e non c'è verso di percepire più alcun sapore per tutto il pasto. Circa 10 giorni fa ho consultato un otorino che, verificata la mancanza di ostruzioni nasali (fibroscopia) mi ha dato la seguente cura per 20 giorni: samyr 200mg (a giorni alterni), neuraben capsule, nasonex spray, sterimar spray rame, aerius antistaminico. Ho inoltre effettuato analisi da lui prescritte anche per verificare la presenza di allergie risultate negative, essendo tutti valori nella norma (tranne il colesterolo un pò alto a 215). Nel complesso dopo 10 giorni di cura devo dire che i sapori dei cibi freddi ora li percepisco meglio, mentre ancora niente per i cibi caldi: il naso, che solitamente è abbastanza libero, non appena ingerisco qualcosa di caldo si chiude completamente. Dopo la terza e quarta puntura di samyr ho avvertito a distanza di 12-13 ore forte nausea e senso di svenimento protratti per circa 1 ora. Riferito ciò telefonicamente all'otorino e riferiti anche i piccoli miglioramenti + il risultato delle analisi negativo per allergie, egli mi ha tolto il samyr, il nasonex e l'aerius x i 10 giorni residui della cura (lasciando dunque sterimar e neuraben). Ora, è vero, piccoli miglioramenti li ho avuti, ma sono ancora lontano dalla normalità e poichè la conversazione telefonica con il medico è stata un pò frettolosa, non vorrei aver dato l'impressione di stare meglio di quanto non stia in realtà. Inoltre avendo chiesto se il mio momentaneo malessere possa essere stato da attribuire al samyr non vorrei aver influenzato il medico sul fatto di interromperlo. In sostanza le domande che vorrei porre sono: se è producente in questo momento, quando comincio ad avvertire i primi piccoli miglioramenti, togliere i medicinali sopra citati e più in generale, se la cura sembra adeguata, anche considerando il fatto che avendo escluso l'allergia non so da cosa sia creato il problema. Grazie anticipatamente per il tempo che vorrete concedermi.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi sembra che la terapia prescritta sia idonea e deve necessariamente completarla, anche se avverte un miglioramento del quadro clinico. Circa il farmaco che, presumibilmente, le ha creato un disturbo è bene sospenderlo o , per lo meno, segua cio' che le dice lo Specialista a riguardo. Purtroppo, una eventuale guarigione, si ha dopo almeno un mese di trattamento farmacologico. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio molto per la cortese risposta. Anch'io, ovviamente da profano del settore, ho pensato che sia stato forse un pò troppo ottimistico togliermi insieme al samyr (dove c'è presumibilmente un motivo) anche l'antistaminico e il nasonex a metà della cura, dato che sembrava si andasse nella direzione giusta. Forse telefonicamente il mio medico non ricordava bene i tempi di inizio della cura o forse non mi sono spiegato bene io sullo stato di miglioramento delle mie condizioni. Proprio per questo ho chiesto un consulto. Continuerò allora con la cura iniziale, togliendo solo il samyr come mi ha consigliato Lei. Ancora un ringraziamento e un cordiale saluto.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi farà piacere ricevere sue notizie in merito. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori