Utente
Buongiorno, da circa una settimana a seguito di valori di pressione relativamente bassa ( In media 100 max e 60 min ) sto riscontrando un senso di pressione che a sensazione dall'interno della testa preme l'esterno in corrispondenza della base del naso, della mandibola, e leggermente sulla fronte. La pressione ora è nella norma. Non si tratta di dolore, ma di una sensazione di pressione-tensione.La parte maggiormente interessata sembra quella che dalla base del naso arriva fino al centro della fronte. Questo è accompagnato da senso di equilibrio precario e nausea. Tutti comunque sintomi leggeri e non invalidanti. Aumenta e diminuisce in base alla posizione assunta dalla testa e se sto seduto o in piedi. Nel senso che in piedi lo avverto maggiormente. Nella posizione supina il disturbo tende a scomparire del tutto. Non ho dolore alla palpazione nelle parti del viso. La respirazione è normale ma a seconda della posizione della testa le narici sembrano tapparsi parzialmente. In particolare con la testa verso il basso la pressione si "sposta" sulla punta del naso, con la testa in alto verso la base sotto la narici. Non ho muco salvo un leggerissimo catarro che di tanto in tanto sembra scendere giù per la gola senza però irritare le mucose.IL mio medico mi ha visitato controllando battito, controllo degli occhi puntando la classica torcia, e il test per toccare il naso ad occhi chiusi. Tutto nella norma. Mi ha prescritto solo integratori. La mia sensazione è quella di avere la testa a tratti pesantissima con qualcosa dentro che ciottola. Durante l'apertura massima della bocca sento all'altezza delle orecchie degli scricchiolii che sembrano però essere legati (sempre secondo mia sensazione ) alla pressione dell'orecchio. Come se avessi la necessità di stappare le orecchie in continuazione senza però riuscirci. Un senso di ovattamento che circonda fronte orecchie mandibola e base del naso. Se può essere d'aiuto mi è capitato che durante gli episodi in cui mi trovavo a scendere da un'altitudine (montagna per esempio ) in auto ad un certo punto avvertivo delle fitte dolorose sulla tempia. Questo mi successe la prima volta circa 10 anni fa. Feci una visita dall'otorino il quale non trovò niente di particolare. MI suggerì di compensare durante questi momenti. Così ho fatto e il problema non si è più presentato. Mi rendo conto solo in questi giorni che spesso mi torvo a tenere la mascella in una posizione forzata. Ho la sensazione che le due arcate siano in una posizione come dire "non rilassata".
Sono stato curato nell'ultimo anno con esomeprazolo per gastrite da uno specialista dopo aver accertato la situazione a mezzo gastroscopia, manometria e phmetria da cui è emersa una peristalsi esofagea debole. Vorrei un consiglio su quale iter scegliere per approfondire la situazione. Tali sintomi mi spaventano un po'. Sono un ragazzo mediamente sportivo. Pratico esercizi per il collo tutti i giorni e uso un tappeto per camminare due/tre volte la settimana.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Devo dire che il suo caso è un po' complesso ed è difficile dare un parere a distanza. Cio' che descrive fa pensare ad una rinosinusite ed a una malocclusione. Una visita da parte di un Odontoiatra esperto in gnatologia sarebbe molto utile. Come ultima istanza, farei una RM del cranio.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la celere risposta. Nel frattempo il mio dottore mi ha rivisitato notando un importante presenza di muco in gola indicandomi che a suo parere è molto probabile la presenza di una rinosinusite. Ho preso appuntamento per una visita otorinolaringoiatrica fissata per il 25 Novembre. A causa della distanza della visita nel frattempo secondo lei dovrei intraprendere una qualche terapia per alleviare i sintomi o resistere fino alla visita? La ringrazio di nuovo per la disponibilità.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Puo', in attesa della visita programmata, utilizzare un qualsiasi spray decongestionante le mucose nasali
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio di nuovo per la disponibilità. La'aggiornerò a visita effettuata. Saluti.

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
sono riuscito ad anticipare la visita dall'otorino.Da esame effettuato è risultata la presenza di un polipo sulla parte sx del setto ed una deviazione importante del setto nasale sempre lato sx. Inoltre l'otorino ha detto che c'è una forte "disidratazione" nel senso di mucosa asciutta e che è necessaria una forte idratazione. Quindi bere molto. Inoltre mi sono state prescritte doccie nasali con prontinal, fluibron e fisiologica due volte al dì per 10 giorni, poi una breve interruzione e poi di nuovo 10 gg in attesa del controllo fissato tra circa 40 gg per valutare lo stato del polipo. Ho iniziato la terapia lo scorso sabato. Contestualmente sto tenendo un diario della pressione arteriosa che si attesta in media su valori di circa 110 di max e 65 di min. L'esame dell'udito è risultato perfetto. La prossima volta mi verranno fatte anche le prove vestibolari. Attualmente il sintomo che mi accompagna è questa sensazione di sbandamento e pressione o forse meglio dire ovattamento che ora, anziché interessare la parte anteriore del naso, sembra coinvolgere la base della nuca e un po' la parte interna del naso in corrispondenza probabilmente del polipo. Ho necessità di urinare frequentemente senza però fastidio. Da esami del sangue fatti il giorno prima del controllo dall'otorino risultano valori normali sia per le urine che per il resto ad eccezione dei seguenti valori:
Ematocrito con valore con 38,7% - val norm 40-52
Neutrofili con 39,1% - val norm 40-75
Linfociti con 50,2% - val norm 20-45
Questa situazione probabilmente mi genera uno stato di preoccupazione eccessiva facendo correre la mente a tumori e cose del genere. Il disturbo di cui sopra si accentua in posizione eretta, si attenua di poco seduto e scompare del tutto sdraiato. Non ho dolori al collo se non un po' di rigidità. Quando sono in piedi oltre al disturbo di "ovattamento" sento un po' di instabilità al livello dei muscoli delle gambe parte posteriore. Secondo il suo parere sarebbe meglio approfondire subito la questione oppure seguire il percorso indicato dall'otorino e vedere come va? E in caso di approfondimento, quale iter mi consiglia di seguire? La ringrazio sin da ora per la preziosa e cortese disponibilità. Saluti.

[#6]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi meraviglio come non le sia stata prescritta una tac del cranio per lo studio dei seni paranasali, vista la presenza di questa formazione di aspetto polipoide. Io la trovo assolutamente necessaria e, anche, la estenderei all'orecchio medio, visti i sintomi da lei descritti. Bene per i valori della pressione.Per il fatto che urini spesso, potrebbe trattarsi di una prostatite.
Cordialità
Dr. Raffaello Brunori

[#7] dopo  
Utente
La ringrazio per la tempestiva risposta. La cosa che mi ha spaventato di più in questa vicenda è l'insorgenza di questi sintomi in maniera abbastanza improvvisa. E ciò che mi incuriosisce è che da sdraiato scompaiono. Secondo lei il fatto che sdraiandomi il tutto scompare può in un certo senso tranquillizzarmi e consentirmi di affrontare il percorso diagnostico in maniera serena prenotando la tac? Le faccio questa domanda perché purtroppo le liste di attesa per certi tipi di esame sono molto lunghi e non vorrei per così dire "arrivare tardi". Saluti.

[#8]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non penso ad una grave patologia, sia chiaro, ma ritengo necessaria una indagine radiologica, per tranquillità, oltre che per arrivare ad una diagnosi certa. Non essendoci motivi di urgenza, puo' tranquillamente prenotare la tac.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori