Utente
Salve, sono un ragazzo di 20 anni e da quando ne avevo 18 ho dei problemi nel parlare, il che mi causa una certa dose di sofferenza, essendo io molto socievole (ora son costretto a stare muto a casa) ed anche studente del conservatorio (che anche se non cantante ci sono diverse materie in cui si canta, e lo farei con piacere).
Inizialmente, avendo una tono di voce basso con dolore alla fonazione mi recai privatamente ad uno specialista per ricevere una diagnosi di nodulo alla corda sinistra e laringoscopia consigliata.
Fatta la scopia viene fuori, a detta del medico dell'ospedale, che è solo infiammato e mi viene consigliata logopedia e una cura al cortisone per aerosol. Faccio logopedia qui in città, ma la abbandonerò "precocemente" visto che nonostante gli alti costi in due mesi avevo fatto solo respirazione e non era migliorato niente di più di quello che il cortisone aveva già fatto.
Da lì intrapresi logopedia diversi mesi più tardi visto che ancora ero senza voce ma credo che il logopedista non avesse "preso bene" il mio caso visto che dopo 15 mesi non è cambiato nulla di sostanziale, con improvvisi alti e bassi.
Attualmente mi sono ritrovato di nuovo in un periodo di minimo storico dove la voce era così bassa da non essere compreso dagli altri, e nonostante io ci avessi fatto "il callo" questa nuova situazione mi faceva stare più male di prima.
Ad ora ho fatto una visita all'otorino di uan struttura pubblica e mi sono stati diagnosticati, stavolta, due noduli combacianti sul 3° medio ed è stata consigliata una logopedia, che ho fatto con lo stesso dottore di 2 anni fà ed una assistente (tirocinante?) che, come prima, mi ha detto che stavo bene e che ero solo un poco infiammato, quindi cortisone aerosol e logopedia. Poi, visto che son due anni che la stampante per il referto in ospedale è rotta, ho chiesto gentilmente di fare un video da poter mostrare all'otorino dei kissing di prima.
Quest'ultimo alla vista del referto ha confermato la presenza dei due noduli e mi ha consigliato la logopedia per svariati mesi (inizialmente mi disse che era inutile e che mi sarebbe occorsa l'operazione).
Concludo che non ho idea di a chi potermi affidare dei due e che se dovessi crede alla prima che mi ha visto, avevo un nodulo prima che ne ha causato un altro e che quindi sono lì da due anni.
Durante la scopia mi è stato chiesto se soffrissi di reflusso vista una visibilissima patina bianca sul fondo della gola ma che io sappia non lo so ed inoltre hanno evidenziato questa forte iperemia con tutta la mucosa laringea visibilmente arrossata con corde rosse difficilmente distinguibili dal resto del tessuto ed edematose/gonfie. Io stesso a rivedere il video non riesco a comprendere dove siano le mie corde, mi sembra tutto uguale! ed invece cercando varie foto di laringoscopie online si vedono sempre queste corde bianche.

Vi ringrazio molto del vostro parere, lo ritengo molto prezioso per me.
Se dovesse esserci qualche medico di Roma io sono lì vicino.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In presenza dei noduli vocali, il consiglio di un intervento chirurgico di microlaringoscopia è quasi doveroso. Poi, dopo tre mesi, verrà presa in esame l'utilità di una rieducazione logopedica. Secondo me, questa è la strada da intraprendere, ovviamente basandomi su quanto riferisci. Se vuoi un ultimo parere, ti puoi rivolgere a Roma, per esempio, presso il Policlinico Umberto I, Clinica Otorinolaringoiatrica, Ambulatorio foniatrico.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille della pronta risposta dottore, infatti stavo proprio pensando di farmi visitare da un terzo dottore. Prenderò in considerazione il suo consiglio.
Volevo aggiungere che il dottore insieme alla sua assistente che mi hanno fatto la laringoscopia mi hanno chiesto se soffrissi di reflusso visto che avevo questa lingua molto bianca e se dormissi bene.
La mia risposta è stata di non sapere se avessi questo reflusso e che per il sonno delle notti dormo maluccio, ma solo da quando ho comprato il materasso nuovo 2 anni fà.

Ne ho parato cmq con il mio dottore che quando gli ho detto che una volta a settimana mentre sono in posizione eretta percepisco tutto l'acido che mi torna in gola fino quasi alla bocca mi ha consigliato di fare una gastroscopia.
Io non avevo mai considerato questo come qualcosa di "grave" visto che mi succede da quando ho almeno 13 anni.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Quindi, soffri di reflusso, da cio' che descrivi. Mi sembra strano che non ti sia stata diagnosticata tale patologia in occasione della laringoscopia che ti è stata fatta e dove sono stati riscontrati i noduli vocali. Comunque sia, stai tranquillo, con una specifica terapia, sicuramente risolverai il tutto.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Ma anche se fosse, e lo scopriremo con la gastroscopia tra un mese, che io soffra di reflusso, è plausibile che abbia causato dei noduli vocali in qualche modo?
Cercando un po' su internet (che è pieno di informazioni superficiali) non si trovano particolari corelazioni.
Mi chiedo questo perchè, visto ancora non so se questi noduli ci siano o meno per via delle opinioni mediche discordanti, volevo capire se ci sono.

La ringrazio nuovamente della risposta.

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
certo, è possibile. Una infiammazione delle corde vocali porta ad una disfonia e, di conseguenza, si tende a sforzare la voce per farci sentire: conseguenza, la formazione di noduli vocali.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Allora, oggi ho fatto la gastroscopia e la visita foniatrica presso uno studio privato.

Il referto della Gastro:
Esofago normale per lume e mucosa. Linea Z a 38cm dall'ads, interrotta da un erosione lineare che si estende per meno di 5mm. Cardias in sede, ipocontinente con evidenza di prolasso di mucosa fundica in esofago e reflusso in corso di procedura. Cavità gastrica ampia e ben distensibile con ristagno schiumoso chiaro. Pliche gastricha rosea, esente da lesioni attive. Piloro pervio. Bulbo duodenale e DII nella norma.
Conclusioni: Esofagite di frado A (classif. Loa Angeles)

E mi è stata prescritta una terapia con esomeprazolo e gaviscon.

Fortunatemante con la visita foniatrica ci sono state delle notizie più rassicurant. Il referto:
Alla laringostroboscopia si evidenzia flogosi catarrale acuta del cover cordale bilateralmente, intensa iperemia sovraglottica da reflusso faringo-laringeo. Adduzione e boldi liberi regolari.

E mi ha prescritto Deflan 30mg per 5gg e 15mg per 7 gg.

In corso della visita mi ha anche detto che parlo costantemente con un ipertono delle false corde e che per questo sarà necessaria una terapia riabilitativa per correggere.
Rimaniamo in contatto e appena ho finito con il cortisone ci sentiamo per la logopedia.

Ho voluto postare qui gli ultimi sviluppi perchè potrebbe essere utile a qualcuno e per dare una conclusione(si spera) a questo topic.

Ringrazio il dott. per le risposte precedenti.