Utente
Salve, sono un ragazzo di vent'anni che più o meno da un mese a questa parte lamenta diverse problematiche ma soprattutto acufeni bilaterali. Credo sia meglio dare una panoramica generale della situazione partendo dal principio.
Inizialmente (circa un mese fa) accusavo continui problemi di orecchie ovattate con fitte di dolore talvota forti ma più che altro la sensazione di averle indolenzite (non come un vero e proprio dolore, ma più un fastidio), fischi fortissimi alle orecchie con conseguenti problemi del sonno e percepivo con fastidio tutti i suoni più acuti, sentendoli anche a distanza dalla fonte sonora, avvertivo dei click muovendo il collo a destra e a sinistra e gli stessi click nelle orecchie quando deglutisco. A volte avevo anche la sensazione di sentire un liquido che fuorisciva dalle orecchie e, se sdraiato, ricadeva in gola. Dopo una cura cortisonica di dieci giorni la situazione è migliorata di molto: non sento più le orecchie tappate, i click al collo sono diminuiti (lo sento solo un minimo quando lo giro verso destra) ma nelle orecchie persistono quando deglutisco, l'acufene c'è sempre, più basso ma ormai ci convivo bene anche se mi dà tutt'ora problemi ad addormentarmi. Ho fatto due esami audiometrici e impedenzometrici presso due diversi otorini, con risultanti contrastanti: il primo con risultati positivi e il secondo ha rilevato un leggero trauma uditivo con perdita di 4 khz soprattuto in sede sx. L'ultimo otorino ha attribuito la causa dei click al muco (ma in realtà non mi ha neanche visitato la gola, limitandosi alle orecchie e agli esami) e la causa dell'acufene al deficit uditivo. Per il muco mi ha prescritto areosol con forcella nasale con un mix di muciclar+aerolid per quindici giorni, interrompere per quindici giorni e riprendere la terapia per altri quindici giorni, più l'utilizzo di uno spray nasale due volte al giorno.
Inoltre voglio precisare che ho dei problemi di postura e credo sia l'origine di un dolorino che spesso sento sotto la scapola destra. Ultimamente mi sono accorto che muovendo la mandibola sento dei rumorini che però potrebbero essere fisiologici e non c'entrare niente. Scrivo tutto questo per evitare di escludere ogni possibile causa, anche se magari le cose non sono collegate.
Le domande a cui voglio far chiarezza sono:
1) E' possibile avere acufeni di questa portata nonostante il mio trauma (nel caso l'ultimo otorino avesse ragione) è a quanto pare lieve?
2) Io non credo che i click siano dovuti al muco, in quanto, dopo l'areosol o dopo lo spray nasale, non fuoriesce muco verde, ma bianco e non accuso problemi particolari di ostruzione nasale anche se in ogni caso continuerò la terpia e lascerò decidere al tempo. Comunque il disturbo potrebbe essere di altra natura? Se sì quale?
3) Qualora dovessi rivolgermi ad un terzo otorino quali esami dovrei richiedere nello specifico? Voglio farli tutti per sicurezza.
4) A quali altri specialisti dovrei rivolgermi?
Scusate la mia richiesta prolissa ma voglio essere esauriente e non escludere assolutamente niente.

[#1]  
Dr. Gaetano Moccia

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
AFRAGOLA (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente ,
termini l' ultima terapia prescrittale per via nasale .
Poi ritorni dal collega e rifaccia esame audiometrico e impedenzometrico.
In base a quello che sara' evidente agli esami e alla clinica , dovra' prendere o meno altri provvedimenti terapeutici e percorsi diagnostici.
Se vuole mi tenga aggiornato
Saluti
Dr. Gaetano Moccia
Specialista in Audiologia e Foniatria

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore,
La ringrazio per il consulto...
In ogni caso non sa dirmi, in base alla sua opinione, l'origine del mio problema? Sono ormai settimane che convivo con questo disagio e due otorini non hanno ancora fatto chiarezza
Grazie

[#3]  
Dr. Gaetano Moccia

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
AFRAGOLA (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Salve , o una disfunzione tubarica o dell'articolazione temporo mandibolare o il deficit udivo.
In tutti i casi deve ultimare la terapia prescritta.
Saluti
Dr. Gaetano Moccia
Specialista in Audiologia e Foniatria