Utente
Un saluto a tutti. Mi chiamo Luca, ho 39 anni e non fumo.
Vengo subito al dunque. Da un mese e mezzo soffro di raucedine, la mia voce non è più la stessa, ho parecchio mal di gola sul lato sinistro soprattutto nel deglutire (anche la saliva), ho un po' di tosse secca e sento sempre il bisogno di schiarirmi la voce.
Il mio medico dice che è colpa del reflusso, di cui in effetti in passato ho sofferto. Quindi mi ha dato come cura da fare per un mese, una compressa di Lucen da 40 ogni sera e tre Gaviscom al giorno (dopo pranzo, dopo cena e prima di andare a dormire). Dopo un mese di cura i sintomi sopra descritti non sono passati, son tornato dal medico e mi ha detto di continuare per un altro mese. I sintomi non stanno ancora migliorando purtroppo e quindi vorrei chiedere anche un parere a voi.

Soprattutto vorrei sapere quanto ci vuole che passi il mal di gola dopo un episodio da reflusso?

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Diciamo che, dopo un mese di terapia, la sintomatologia dovrebbe essere migliorata. Per questo, è bene che si sottoponga ad una rinolaringoscopia di controllo, anche perché potrebbero essere formati dei noduli sulle code vocali, oltre il classico ispessimento della mucosa in seguito al reflusso.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie della tempestiva risposta.

Volevo chiederle due consigli. Ho letto su altri consulti nel web che il Lucen è meglio prenderlo al mattino, il mio medico mi ha detto di prenderlo prima di andare a dormire, probabilmente perchè in passato durante la notte ho avuto un episodio importante. Secondo lei è meglio ugualmente prenderlo al mattino?

Per quanto riguarda la rinolaringoscopia è meglio farla il prima possibile perchè potrebbe esserci qualcosa che è meglio scoprire subito o posso attendere la fine di questa terapia che dovrebbe durare ancora un paio di settimane?

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per la fibroscopia, a questo punto si puo' attendere tranquillamente la fine della cura in atto. Per quanto riguarda invece l'assunzione dell' inibitore, di solito lo si prescrive la mattina, a digiuno.
Dr. Raffaello Brunori