Utente cancellato
Buonasera ho 20 anni
Circa un mesetto emezzo fa ho notato delle palline gialle in bocca attaccate alle tonsille o comunque in loro prossimità, non sapendo cosa fossero le ho tolte con il dito, la seconda era dietro dall'arco della gola e ho notato che mi è rimasto un buchetto da dove usciva del giallo...
In prossimità mi è uscita poi un afta forse data dal fatto che con il dito continuavo a toccare la zona,che ho trattato con Dequadin e lavaggi con colluttorio all'aloe datomi dal medico.
Successivamente ho notato che la mia gola non cambiava e presentava delle vescicole su tutto l'arco,la dottoressa mi ha prescritto l'antibiotico dei 3 giorni più borocillina spray...
Qualche giorno fa ho guardato la gola per vedere se ci fosse ancora quel foro e ho notato che c'è e accanto c'è una bolla gialla, sono andata dal medico e mi ha prescritto esami del sangue per vedere se vi è streptococco e tampone alla gola...
Da quel momento (circa una settimana)continuo a toccarmi la gola e ora mi provoca dolore al tatto ma esternamente non internamente, inoltre è come se avessi delle ghiandole ingrossare...
Sono una persona molto paranoica e quindi penso di avere tutte le malattie possibili e che sia qualcosa di brutto..
Ho una paura folle di avere l'hiv e che questo sia riconducibile , nonostante io abbia fatto le analisi del sangue all'avis 5 dopo il rapporto non protetto e sono risultata idonea continuo a pensare che non si siano accorti e non sia vero... ho una paura folle..
Voi che ne pensate?
Grazie mille gentili dottori

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Penso che si tratti di una semplice infiammazione del tessuto linfatico faringeo: Le tonsille presentano sulla superficie delle cripte in cui si incastra il residuo di cibo. Niente altro. Giusto, per scrupolo, fare un tampone faringeo per la ricerca di germi patogeni: Consiglio di tenere pulita la mucosa tonsillare con dei gargarismi di coca-cola.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori