Utente
Salve dottore e da circa un anno che continuo a mettere il Vicks Sinex Aloe per il naso chiuso e devo ammettere che appena lo uso mi da subito sollievo e fa sparire i miei sintomi. Inizialmente mi bastava usarlo uno volta al giorno per respirare tutto il giorno ad oggi però le cose sono cambiate lo metto in continuazione anche ogni ora e mezza perche proprio non respiro e sento le orecchie tappate e una costante pressione sul palato. Inoltre ho una narice, quella destra, costantemente tappata come se ci fosse un ostruzione che non si toglie nemmeno provando a soffiare il naso (cosa che quando faccio mi da tantissimo fastidio perche sento scoppietti nell orecchia destra corrispondente alla narice chiusa) sembra infatti che all interno della narice non ci sia nulla. Inoltre questa ostruzione mi da anche molto solletico quando arriccio il naso e tende quasi a scomparire quando con le mie mani cerco di allargarmi le estremità delle guance. MI Alzo ogni giorno con il naso completamente chiuso e con difficoltà severa a respirare e sono costretto a mettere quintali di Vicks per sbloccarlo.
Alcuni dottori mi hanno prescritto Cortisoni e Spry d acqua marina ma ogni volta che li metto i miei sintomi peggiorano e il naso diventa piu chiuso di prima. Ribadisco e non so perché come sia possibile che solo il Vicks mi funzioni e vorrei sapere cosa potrei avere per curarmi perche non sopporto pii questa condizione fastidiosa

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non riesco a comprendere se i medici cui ti sei rivolto sono degli Specialisti o meno. Serve, infatti, una valutazione di uno Specialista per capire la causa di questa sindrome da ostruzione nasale. Utile anche una rinomanometria con test di decongestione dei turbinati per una valutazione della tua respirazione nasale.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Sono stato da un ororinolaringoiatra a settembre , ho raccontato dei miei sintomi che all' ora erano molto più sopportabili, infatti usavo lo spray solo 1 volta al giorno, e non ha riscontrato nulla . Mi ha fatto fare l esame audiometrico e un endoscopia nasale dal quale non ha visto nulla.
Alla fine ha deciso di darmi un cortisone che mi avrebbe dovuto allontanare dal Vicks che secondo lui a lungo andare può dare dei problemi. Ora vorrei sapere da lei dottore come dovrei muovermi e se può essere qualcosa di brutto tipo un tumore perche sono terrorizzato. PERÒ ribadisco che i cortisoni o qualunque altro spray mi peggiora la sintomatologia riesco a respirare solo col Vicks

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sbagliato, ripeto, fare uso prolungato di un vasocostrittore come quello utilizzato. Fai la rinomanometria consigliata e, una volta in possesso della risposta, vedremo il da farsi. Sicuramente, non si tratta di un tumore, stai tranquillo
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Dottore ho fatto la rinomanometria e la conclusione che mi è stata data e che la narice sinistra , quella dove in realtà non ho nessuna ostruzione, respira male e mi provoca un deficit respiratorio.
Inoltre il dottore attraverso una specie di telecamera ha notato nel naso delle zone ferite , probabilmente create dal vicx sinex che ho usato per un anno in continuazione.
Ora ,secondo lui ,devo staccarmi immediatamente dal vicx e dopo un mese cominciare una cura e una terapia dal momento che ora non è possibile, dato la mia condizione nasale. Nel caso non funzionasse dovrei fare un intervento chirurgico. Per quanto riguarda i clik alle orecchie e i cambiamenti repentini d' aria al suo interno ( io inoltre riesco a ricambiare l' aria nelle orecchie anche solo aprendo la bocca o facendo pressione su un muscolo sopra il palato probabilmente) , lui mi dice che è tutto normale. Ora dottore vorrei sapere da lei cosa fare , ho molta difficoltà a non fare uso per niente del vicks dato i miei problemi citati alle orecchie e al naso , se mi potrebbe consigliare qualcosa su come allontanarmi gradualmente senza peggiorare i miei sintomi o il naso stesso

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Concordo sulla necessità assoluta di sospendere lo spray vasocostrittore e sostituirlo con uno a base di cortisone. Certamente, i primi giorni saranno duri da sopportare ma, vedrai, gradatamente ti adatterai.
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Vorrei sapere se per i primi giorni posso continuare ad usare il vicks perche sospendere subito da un giorno all altro è impossibile. Se potevo avere qualche consiglio su come fare , perché ci sto provando e arrivo sempre al punto in cui si ostruiscono entrambe le narici e ho difficoltà a respirare pure con la bocca perche la pressione d' aria che si genera sopra il palato è troppo forte , sento che l' aria diventa dura non so se mi spiego e respirando con la bocca sento dei click che non so da dove provengano

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Facciamo una cosa: riduci il vasocostrittore per qualche giorno, ad una volta al giorno e per due volte al giorno utilizza lo spray cortisonico
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Salve dottore mi faccio risentire per avere un informazione... vorrei sapere se l uso prolungato degli spryte vasocostrittori per molto tempo( io ne faccio uso da settembre scorso, ma ora sto riducendo con uno o due a giornata) porta problemi cardiocircolatori?

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ovviamente, se il vasocostrittore viene utilizzato per qualche mese, non comporta alcun problema a livello cardiocircolatorio. Se, invece, viene utilizzato per anni, puo' di certo dare i problemi in questione.
Dr. Raffaello Brunori