Utente
Salve, sono una donna di 38anni.

Sin dall’adolescenza ho sofferto di epistassi, fino alla prima età adulta, ricordo che frequentavo l’università.
Poi per più di 10 anni il sintomo è scomparso fino a questa estate.
Ho iniziato ad avere frequenti episodi di epistassi.
Anche 2 al giorno.

Come oggi.
Molte volte accade al mattino.
Appena sveglia.
Il sanguinamento non è molto ma la frequenza con cui sta accadendo, si.

Quello che mi fa preoccupare è che dopo accuso un senso di malessere generale, debolezza, senso di stordimento, capogiri e acufeni.
Nel corso degli anni ho eseguito diversi esami ed accertamenti, tra cui anche holter per la pressione e holter cardiaco, fatto tra l’altro 10 giorni fa.
Il sanguinamento è sempre dalla narice sinistra e la ho quasi sempre tappata, chiusa, rispetto alla destra.
Mi sono recata da un otorinolaringoiatra che ha indagato con un tubicino per vedere la struttura e le pareti del naso.
Da questo esame non è emerso nulla e lo specialista mi ha prescritto una risonanza maxillo facciale con contrasto.
Purtroppo adesso è di nuovo tutto bloccato per via dell’ emergenza sanitaria e non posso andare a fondo al problema.

Parlandone con i miei genitori ho scoperto che anche mio padre ha questi episodi, ma non ha mai indagato.
Purtroppo ho fatto l’errore di cercare online e sono venuta a conoscenza di una patologia genetica rara, Teleangiectasia emorragica.
Al momento sono bloccata con gli accertamenti e sono in preda al panico perché non riesco a venire a capo del problema è scoprirne l’origine.
Questa mattina ho avuto l’ultimo episodio, appena aperto gli occhi e poi durante la mattinata.
Ad ora accuso ancora capogiri e acufene all’orecchio sinistro.

Chiedo un vostro parere, data l’impossibilità al momento di terminare gli accertamenti.

Grazie.

[#1]  
Dr. Gianni Gitti

36% attività
16% attualità
12% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2014
Buonasera,
la teleangiectasia emorragica è una patologia estremamente rara. Prima di pensare a quello occorre pensare all'evenienza più frequente ovvero alla presenza di un piccolo capillare, una varice, all'interno della fossa nasale interessata. Si tratta di una evenienza comune e non preoccupante che non credo possa essere correlata alla sintomatologia da lei descritta.
Per ulteriori dettagli può visitare il nostro sito ed il nostro blog ed in particolare la pagina
https://www.icare-cro.com/epistassi.html

Cordialmente
Dr. Gianni Gitti
Specialista in Otorinolaringoiatria, Medicina del Sonno e Medicina estetica
www.cro.firenze.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottor Gitti.
Terminerò gli accertamenti prescritti dall’otorino facendo la risonanza maxillo facciale.
Approfitto per chiederle se è normale o preoccupante, che dopo il sanguinamento, ripeto fortunatamente non consistente, io mi senta debole, con mal di testa e capogiri.

La ringrazio nuovamente.

[#3]  
Dr. Gianni Gitti

36% attività
16% attualità
12% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2014
Ritengo che la sintomatologia non sia correlabile al sanguinamento. La sintomatologia da lei descritta potrebbe essere provocata solo da gravi sanguinamenti ed in quel caso non sarebbe passeggera.

Cordialmente
Dr. Gianni Gitti
Specialista in Otorinolaringoiatria, Medicina del Sonno e Medicina estetica
www.cro.firenze.it