Utente 285XXX
Buongiorno, sono una neomamma da 10 giorni, e come tale piena di insicurezze....... la mia bambina ha da qualche giorno i soliti dolorini al pancino (colichette) accompagnate dall'espulsione di molta aria, ma stenta ad evacuare le feci, tanto che ad oggi sono 3 giorni che non le fa. volevo gentilmente sapere se il fenomeno è normale e quando devo cominciare a preoccuparmi seriamente. L'allattamento che adotto è misto, in quanto allatto al seno per circa 7 minuti per parte e poi le dò l'aggiunta di latte artificiale Humana 1 fino a che la bimba me lo richiede.
Grazie mille per l'aiuto

[#1]  
Dr. Giuseppe Gullotta

24% attività
0% attualità
8% socialità
ADRANO (CT)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2002
Ha provato a pensare di allattare in maniera alternata ?
O il suo latte o quello artificiale , valutando lei stessa se ha latte , abituandosi ad una corretta autovalutazione delle condizioni del seno ?
Rende di piu' e il suo latte potrebbe facilmente aumenatare .

Ne parli con il suo pediatra fi famiglia che sapra' consigliarla .
Per il momento la stimoli semplicemente , ai primi stimoli , con un cotton fioch bagnato con dell'olio .
mi faccia sapere .
Dott. G. Gullotta
Cordialmente
Dott. Giuseppe Gullotta

[#2]  
Dr. Santiago Vallasciani

20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
COLLEFERRO (RM)
CASSINO (FR)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Gentile Sig.ra,
la presenza di difficoltà nelle evacuazioni nel periodo neonatale può anche essere legata ad un fenomeno transitorio chiamato 'dischezia' nel quale manca una coordinazione tra l'impulso del retto ed il rilassamento dello sfintere anale. In queste circostanze si stabilisce una sorta di 'lotta' tra l'impulso evacuatorio e l'orifizio anale. Questo è del tutto transitorio e tende a risolversi spontaneamente entro il primo o secondo mese di vita. La semplice stimolazione anale può aiutare a superare questa fase transitoria.
E' comunque doverosa una corretta valutazione da parte del suo pediatra perchè esistono rare ma possibili situazioni in cui l'orifizio anale si trova leggermente spostato in avanti (verso la vagina); in questi casi coesiste una leggera ristrettezza dello stesso che può essere alla base della difficoltà nell'evacuazione.
A sua disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento Le porgo i più cordiali saluti
Dr. S. Vallasciani
U.O. Chirurgia Andrologica e Ginecologica
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Roma
Dr. S. Vallasciani

Chirurgia Urologica e Andrologica pediatrica
Chirurgia dei genitali e dell'uretra maschili

[#3] dopo  
Utente 285XXX

grazie mille per la vostra attenzione e i vostri consigli, come sempre molto preziosi.
Allo stato attuale, la mia bimba ha ancora gli stessi problemi di prima, il pediatra di famiglia mi ha consigliato di aggiungere il Nidex al latte artificiale, ma non ho avuto risultati sperati.
Inoltre la stimolazione con il cotton fioc non produce alcun effetto, e dopo tre giorni di pianti, presa dalla commozione le ho fatto un miniclisma per lattanti in quanto si sforzava molto senza risultati.
Comunque il medico mi ha riferito di non effettuare i clisterini che si comprano in farmacia, asserendo che sono molto irritanti, e di somministrare il Laevolac pediatrico.
Io sono un pò nemica dei medicinali, avrei preferito una soluzione più naturale, ma per ora non vedo alternative.
Grazie ancora per le vostre risposte.