Utente 133XXX
Buongiorno,
la mia bambina si 13 da qualche giorno ha degli spasmi che il pediatra ha definito spasmi affettivi, che fa quando vuole ottenere qualcosa..
Io volevo solo sapere se questi spasmi possono avere come causa anche la profonda crisi che c'è da un bel po' di tempo tra me e mio marito. Ho paura che lei possa sentirlo e per attirare l'attenzione su sè stessa abbia questi momenti in cui piange e va in apnea per qualche secondo..
Il pediatra non sa della crisi e della tensione che c'è in famiglia.. quindi penso abbia escluso a priori questo discorso..

Grazie per la vostra attenzione,
cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Il comportamento descritto è sintomo di qualche difficoltà nello sviluppo psicologico della bambina. Se persistono può essere utile valutare la situazione, riferendo al pediatra anche della situazione familiare.
La situazione fra i genitori e il modo in cui la affrontano e la gestiscono ha ovviamente influenza sullo stato dei bambini e sulla loro tranquillità o viceversa inquietudine, che può manifestarsi in tanti modi.
Il consiglio, se la crisi supera limiti e capacità dei genitori di gestirla, è di chiedere un aiuto tipo mediazione familiare o simile.
Cordialmente
drGBenedetti
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#2] dopo  
Utente 133XXX

Buongiorno dottore,
grazie per la risposta.
IO e mio marito stiamo andando da alcuni mesi da uno psicoterapeuta di coppia per cercare di rislvere la nostra crisi.
Nel frattempo comunque stiamo cercando di non far capire niente alla nostra bimba, non litigando MAI davanti a lei. Lei forse percepisce il fatto che io non sono serena.. Io e mio marito non abbiamo mai contatti fisici davanti a lei (mai un abbraccio nè un semplice bacio) e neanche ci parliamo più di tanto. Lei forse però capisce che questa situazione non è normale.. e quindi reagisce così.
Non succede spesso che abbia queste crisi, però succede... E ho paura.

Grazie ancora,
cordialmente.

[#3] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Mi descriva un po' di più queste 'crisi'.
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#4] dopo  
Utente 133XXX

E' successo per esempio quando era con mio marito, che voleva farla dormire, lei però evidentemente non aveva voglia e ha cominciato a piangere finchè è andata in apnea..
Un'altra volta dovevo cambiarle il pannolino, lei non voleva e ha pianto finchè di nuovo non è andata in apnea.
L'ultima volta è successo sabato sera.. l'ho data in braccio al papà ma lei voleva stare con me (in quel momento non potevo tenerla) e l'ha rifatto.. trattenendo il respiro per un po' di secondi.. mi sono anche spaventata perchè quando ha ripreso a respirare si vede che era debole e le è ceduta la testa un secondo!
Poi ha smesso di piangere e tutto è tornato nella norma!

Ho letto di bimbi a cui capita e di pediatri che dicono che è solo un modo per ottenere quello che vogliono, e in effetti anche il nostro ha giustificato questo comportamento dicendo che ha un bel caratterino e che bisogna 'farla piangere' un po' di più per non farle prendere dei vizietti..

[#5] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
La descrizione è tipica appunto degli 'spasmi affettivi'. Il pediatra vi avrà rassicurato che solitamente sono crisi che passano col tempo senza bisogno di terapia. Qualcuno suggerisce comunque di fare accertamenti, fra cui l'elettrocardiogramma per valutare la presenza di eventuali anomalie.
Non credo che si possano mettere in relazione direttamente con la situazione familiare, tornando alla sua prima domanda, ma certo i genitori rischiano di essere spaventati dalla reazione della bimba e si può creare un circolo vizioso condizionante. Non so se per voi è così semplice come dice il pediatra, anche se in linea di massima ha ragione...
Cordialmente
dr GBenedetti
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/