Utente 479XXX
Buongiorno, sono la mamma di un bimbo di quasi 2 anni (gli compie a febbraio). Vi scrivo perché mio figlio presenta ogni tanto delle tracce di cibo nelle feci, in piccoli pezzi. L'ultima volta é succeso oggi, stamattina quando a evacuato, nelle feci c'erano dei piccoli pezzetti di carote al forno che aveva mangiato ieri sera. Tengo a precisare che il 22 mio figlio presentava tutti i sintomi dell'influenza intestinale, quindi gli ho datto gli fermenti lattici ENTEROLACTIS, 2 al giorno, e dopo 2 giorni stava bene, ma ancora continuo a dargliele, 1 al giorno.
Credete che la presenza di cibo non digerito abbia a che fare con l'influenza? Se si, allora perché succede anche quando il bimbo sta bene?
In speranza di non sembrarvi troppo ignorante, ma solo una mamma preoccupata, aspetto con ansia le vostre risposte.
Buone feste e felice anno nuovo a tutti voi e alle vostre famiglie.
GRAZIE

[#1]  
Dr. Francesco Niglio

24% attività
0% attualità
8% socialità
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Ritengo che come da lei esposto cioè occasionalmente trovare minime quantità di cibo non digerito nelle feci,soprattutto se in assenza di altri sintomi,non sia assolutamente un problema nè sia espressione di patologia alcuna
Buone feste
Dr Francesco Niglio

[#2]  
Dr. Massimo Ciampi

20% attività
0% attualità
12% socialità
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
bisognerebbe conoscere maggiori dettagli sulla storia clinica, sul peso e sulla velocità di crescita del bambino per poter rispondere compiutamente alla domanda.
Tuttavia ritengo che la presenza occasionale di cibo non digerito nelle feci, in assenza di altra sintomatologia, non costituisca alcun problema,ma, d'altra parte, è consigliabile rivolgersi al pediatra cirante, il quale potrà consigliare alcuni semplici esami per valutare l'assorbimento intestinale.
Auguri per un ottimo 2008!
Massimo Ciampi

[#3]  
Dr. Anna Maria Andolfi

16% attività
0% attualità
0% socialità
()

Rank MI+ 16
Iscritto dal 2006
la presenza degli alimenti da lei descritti non costituisce un problema, sia per l'occasionalità del fenomeno, sia per le loro caratteristiche intrinseche;
le carote ricche di fibre hanno la capacità d'attraversare l'intestino mantenendo quasi inalterata la loro composizione onde svolgere la funzione di scavengers, ovvero di spazzini.
E' nota ormai a tutti la ricchezza di fibre, caldamente consigliata nell'alimentazione, sia per consentire, la peristalsi intestinale,sia come potente agente antitumorale.
Buon 2008
anna maria andolfi