Utente 249XXX
spett.le Medici Italia i dati inseriti sono quelli di mia moglie ma scrivo io per lei poiché non è molto motivata visto la sua depressione. In effetti il problema è proprio questo. All'8 mese di gravidanza in seguito ad un evento spiacevole mia moglie è stata soggetta a depressione e anche dopo che ha partorito lo psichiatra ci ha rilasciato una diagnosi dove consiglia, valutato il rapporto rischi/benefici, di proseguire la terapia e poiché i farmaci che sta prendendo sono trasmissibili attraverso il latte materno e quindi nocivi per il nascituro, ci ha detto che da parte sua sarebbe meglio evitare l'allattamento. Ci ha detto di consigliarci comunque con il neonatologo. I farmaci e la posologia sono i seguenti: Entact 13gocce al giorno e 3 compresse di valeriana al giorno.
Soprattutto per quanto riguarda l'Entact è consigliabile non allattare oppure questa dose non è eccessiva secondo il vostro parere? Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile signore
il farmaco in uso può' passare nel latte materno quindi non è consentito l'allattamento .Un cordiale saluto ed auguri
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Cosa intende che 'non è molto motivata vista la sua depressione...'? Come può vedere nel settore di psichiatria molte persone con diagnosi di 'depressione' scrivono per richiedere pareri.
La terapia della depressione è abbastanza controversa. Data l'importanza della scelta anche per il futuro, varrebbe la pena chiedere un altro parere e valutare eventualmente la possibilità di terapie alternative che non tolgano a sua moglie a al bambino l'esperienza dell'allattamento. Ovviamente è principalmente sua moglie che deve valutare e decidere: debitamente informata. Non è il medico che decide una terapia, può solo consigliarla. Il paziente è libero di accettare il consiglio o no, di esprimere i suoi dubbi e di sentire altri pareri, come in effetti ha fatto Lei scrivendo qui.
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente

L'utilizzo del farmaco non consente l'allattamento materno al seno.

La valutazione in merito alla prescrizione è probabile che sia stata fatta secondo la condizione depressiva di sua moglie che, quindi, merita attenzione clinica e trattamento farmacologico.

Attualmente, sarebbe il caso di mantenere sua moglie in compagnia di qualcuno e, dopo il parto, abbia l'ausilio di qualcuno che possa aiutarla a gestire il bambino.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it