Utente 268XXX
Buongiorno gentili dottori. 
Sono la mamma di una bambina di un mese, perfettamente sana e di ottimo appetito. La nutro solo con il mio latte, che ho in abbondanza, e sin'ora ho adottato un'alimentazione a richiesta, quindi assecondandola abbastanza e distanziando le poppate di volta in volta in base ai suoi richiami da mezz'ora a due-tre ore, molto saltuariamente quattro o poco più. Alla visita dalla pediatra eseguita al 29 giorno di vita la bimba è aumentata praticamente di 1 kg (peso alla nascita: 3290 gr, dopo 9 giorni 3270 gr, dopo 29 giorni 4225 gr), tanto che mi ha detto che volendo, per il peso che ha raggiunto potrei tranquillamente distanziarle le poppate con pause di 3-4 ore. Tuttavia non penso proprio che mia figlia accetterebbe di buon grado, e per almeno una decina di giorni continuerò ad assecondarla e cercare di capire le sue esigenze; faccio però presente che a volte chiede di mangiare, magari dopo essersi appisolata, con pause brevissime, un'ora, mezz'ora o meno. Ora, il mio problema é che, da quando ha circa 2/3 settimane, spesso la bambina dopo aver mangiato un po' inizia ad urlare, si stacca e spesso scalcia e agita le braccia, tuttavia continuando a cercare di riattaccarsi. Allora la alzo (allatto per abitudine quasi sempre da sdraiata), le faccio fare il ruttino, le massaggio il pancino, si calma e la riattacco, poiché continua a dare segni di fame; questo può succedere per diverse volte finchè all'improvviso si tranquillizza e si addormenta, e in questo modo la poppata tra attacchi, stacchi e pause dura anche 2 ore e mezzo o più. Altre volte invece la poppata è assolutamente tranquilla, mangia serena quel che vuole fino ad addormentarsi; ma non c'è modo di prevederlo prima, non ha orari particolari in cui invece si lamenta. Non ho riconosciuto il classico quadro delle coliche... Io attribuisco questo problema al fastidio che percepisce per i movimenti gastrici e intestinali, magari difficoltà ad evacuare o espellere aria immediatamente: potrebbe essere così? Ma potrebbe essere perché mangia troppo voracemente, o perché mangia troppo? Dovrei farla mangiare meno? Lei finchè non è soddisfatta non si rilassa e non prende sonno... Che accorgimenti potrei adottare? Farle biberon con infusi, magari di finocchio, l'ho evitato per il timore che ingurgitasse ancora più aria per la voracità con risultati opposti. 
So che non mi devo preoccupare perché la crescita va benissimo, tuttavia eliminare o almeno alleviare il problema renderebbe le poppate un momento sicuramente più rilassante, sia per me che per lei. 
Grazie mille in anticipo, cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Gentile signora
da quanto leggo lei ha adottato uno schema di allattamento a richiesta. Se l'incremento ponderale è buono ,questo schema potrebbe andar bene.Se la piccola è molto vorace,potrebbe ingurgitare aria che può darle fastidioSarebbe meglio tenerla in braccio dopo mangiato dandole qualche colpetto delicato alla schiena per innescare il classico ruttino.La poppata così lunga non va bene,perché può dare ragadi al seno per macerazione della pelle.Di solito il lattante succhia quello che gli serve in 10-15 minuti,poi rimane attaccato solo per un senso di piacere
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Utente 268XXX

Grazie mille per la Sua risposta!
Un'ultima cosa: ma se dopo aver mangiato un po' ed essersi assopita, magari non profondamente, la bimba si risveglia dopo un po' e richiede da mangiare, magari per diverse volte, devo sempre assecondarla?