Utente 209XXX
Cosa ne pensate dell'uso della niaprazina per un bambino di 2 mesi che ha il sonno molto disturbato? Si addormenta in modo molto leggero e dopo 5 minuti si risveglia con dei soprassalti e poi piange nervosamente e fatica a riaddormentarsi, oppure talvolta si stiracchia continuamente nel sonno emettendo gemiti; altre volte ancora, piange disperatamente semplicemente mettendolo in posizione distesa, scalcia e si divincola e non vuole più essere messo giù se non dopo essersi calmato con molta fatica

[#1] dopo  
Dr. Silverio Giambra

20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Purtroppo non specifica se il bambino è suo figlio, se è allattato al seno, nè se stiamo parlando di un bambino sano, nato a termine, nè specifica se tale farmaco le è stato prescritto da un medico specialista in pediatria, pertanto non è possibile rispondere alla sua domanda salvo darle il consiglio di non dare mai ai bambini farmaci, tantomeno se psicofarmaci, se non sono prescritti per un problema specifico dopo un'accurata diagnosi da uno specialista pediatra. Ogni bambino ha un suo personale ritmo sonno veglia che va rispettato dandogli la possibilità di addormentarsi spontaneamente. Spesso i tentativi di farli addormentare a comando falliscono. I bambini hanno la necessità di alternare alle poppate e alle fasi di veglia (in cui cominciano ad esplorare il mondo a partire dalle coccole nelle braccia della mamma, in cui cominciano a sorreggere la testa, a sorridere, ad ascoltare le voci di chi gli parla e gli sussurra e in una parola ad interessarsi all'ambiente esterno e a quello interno a se stesso compreso il loro intestino, col quale talvolta sembra parlare) dicevo alternare fasi di sonno che sarà tanto più profondo e sereno quanto più la sua vita di neonato è stimolante e ricca di affetto e cure. Pensare agli psicofarmaci risulta quasi sempre una scelta dannosa oltre che inutile.

Cordialmente Dott. Silverio Giambra

[#2] dopo  
Utente 209XXX

Egregio dottore,
ovviamente sto parlando di mio figlio, lo davo per scontato. E' un bambino nato a 37+3 settimane con parto cesareo, podice e con basso peso corporeo (ho l'utero un po' infantile). E' allattato con latte artificiale perchè all'inizio era molto pigro e pertanto non succhiava dal seno, e tuttora rifiuta di attaccarsi al seno. Ma gli ho sempre dato il latte materno col poppatoio, fino a quando il pediatra mi ha consigliato di lasciar perdere perchè ne avevo troppo poco (circa 30 ml su un pasto di 140). Non mi ha prescritto la niaprazina come farmaco necessario, ma me l'ha consigliato nel caso i suoi disturbi del sonno diventassero ingestibili.