Utente 281XXX
Egregi dottori,
ho una bimba di 3 mesi. E' in buono stato di salute e l'accrescimento è ottimo (peso 5 Kg a circa due mesi). A 25 gg ha cominciato a non evacuare più da sola e il problema si protrae da ormai due mesi. Premetto che la bimba è stata allattata al seno+ aggiunta di latte ad ogni poppata sino a circa due mesi per poi passare esclusivamente al latte artificiale (nidina excel ha1 ipoallergenico). La pediatra mi ha detto che la stipsi poteva essere normale poichè il latte artificiale rende le feci meno liquide mentre l'immaturità dell'intestino faceva il resto e che non c'era niente di cui preoccuparsi. Con il tempo il problema si risolverà...
In accordo con lei la bimba viene stimolata un gg si e uno no con il termometro (cosa che ora comincia a tollerare molto poco e che probabilmente gli ha provocato la fuoriuscita di una piccola ragade) o con microclismi di glicerina. Le feci sono di colore verde e consistenza cremosa. Inoltre la bimba soffre anche di colichette per cui vengono somministrate 15 gocce di mylicon ad ogni poppata/5 volte al di.e a volte Alginor in caso di stretta necessità.
In virtu di questi due fattori la bambina naturalmente è irrequieta,si sforza spesso e diventa rossa in viso o si irrigidisce e stende le gambe soprattutto mentre mangia, la qual cosa comporta lo smettere di alimentarsi. Farla mangiare durante questi episodi diventa difficile. Tutto ciò accompagnato dal pianto.
Vorrei dunque sapere:
-la mancata evacuazione per due mesi consecutivi è considerata ancora normale o è necessario cominciare a pensare di fare qualche accertamento?
-C'è qualche rimedio, naturale o meno, oltre alla stimolazione "manuale" che può essere utilizzato? Tipo l'uso di probiotici o di lattulosio o l'integrazione di acqua nella dieta o addirittura qualche goccia di olio d'oliva sciolto nel latte?
- Esistono in commercio dei latti artificiali che possono ovviare al problema della stipsi?
Sopratutto mi preoccupa il fatto che, sia per quanto riguarda la stipsi che per quanto riguarda le coliche, non c'è nessun miglioramento nonostante il passare del tempo.
Voi cosa potete dire ad una mamma un pò in ansia?
Rimango in attesa di un vostro gentile riscontro
Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
L 'alvo stitico e' condizione frequente nel neonato e nel lattante, specie se allattato con latte artificiale.
Nei primi mesi di vita e' sconsigliato l'uso di lassativi.
Si possono utilizzare dei fermenti lattici ma l'efficacia e' discussa.
Le coliche in genere dopo i primi 4 mesi di vit scompaiono
Cordiali saluti
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)

[#2] dopo  
Dr. Costantino Zamana

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Signora la Sua ansia è comprensibile e ben conosciuta. Il problema della stipsi del lattante è frequentissimo ma è possibile aiutarlo a stare meglio.
Non ci ha dato una delle informazioni cardine per un chirurgo pediatra, cioè se la sua bimba si è scaricata nelle 24 ore seguenti la nascita spontaneamente.
Per ora le rispondo brevemente come se lo avesse fatto diversamente ce lo comunichi e tenga buono il discorso come un discorso in generale sulla stipsi .
Il latte artificiale di per sè è stiticizzante epurtroppo non esistono in commercio latti che veramente risolvano del tutto il problema, diciamo che il latte artificiale è un buon aiuto ma per ora non sostituisce in tutto e per tutto il latte materno.
Se il latte lo prepara in polvere lo diluisca in acque un po' piu' lassative come l'acqua uliveto.
Non abbia nessun timore a stimolare la piccola con un sondino anche piu' volte al giorno. Al TERMOMETRO è DA PREFERIRE UN SONDINO IN GOMMA di piccola misura da introdurre pochi cm nel retto ben lubrificato, questo aiuterà sicuramente la sua piccola ad evacuare sia feci che aria. Per spiegarla semplicemente nei primi mesi c'è ancora un po' di poca coordinazione dei muscoli che chiudono il retto per cui un piccolo stimolo aiuta sempre. Difficilmente le ragadine di cui parla sono dovute al suo termometro mentre è molto piu' probabile siano dovute alla stitichezza o ancora piu' probabilmente ad un pochino di infezione fungina (dermatite da pannolino). Per questo è importante faccia vedere la sua cucciola al pediatra curante che vi saprà sicuramente aiutare.
Sondare aiuta anche a fare uscire l'aria che crea dolore, quelle che si chimano coliche gassose e che a 2 mesi di vita possono già iniziare a disturbare la sua piccolina. L'uso dell'alginor a me personalmente non piace molto.
L'uso di probiotici è molto discusso (utili??),
Assolutamente NO all'olio nel latte!!
Integrare acqua è da discutere assolutamente col pdiatra e da NON fare di propria iniziativa, per farle capire a soldoni: se la sua bimba prende 100 cc di latte assume una certa quantità di kcalorie (cioè di energia per crescere) se al posto di 100 di latte prende 60 di latte e 40 di acqua alla fine il potere calorico sarà minore e questo non va bene perchè la sua piccola sarà come se mangiasse di meno.
Questa è da considerare una risposta assolutamente generica e non disegnata sulla Sua figliola.
LE RACCOMANDO VISITA DAL PEDIATRA CURANTE CHE VALUTERA' TUTTE LE SOLUZIONI CONSIDERANDO ANCHE CONDIZIONI GENERALI E TREND DI CRESCITA!!!
Ci tenga informati
Cordialmente
Dr. Costantino Zamana
Specialista in Chirurgia Pediatrica -Urologia pediatrica
Ph.D. Scienze Chirurgiche e dei Trapianti

[#3] dopo  
Utente 281XXX

Grazie mille dei chiarimenti....
Purtroppo non sò se la bimba si è scaricata spontaneamente nelle prime 24 ore di vita perchè è stata tenuta in osservazione nel reparto di neonatologia. Comunque credo che se ci fossero stati problemi di qualsiasi genere me lo avrebbero comunicato. Sucessivamente la bimba evacuava spontaneamente anche più volte al gg sino al 25° gg di vita, poi più nulla se non con stimolazione.
La ragade è stata scoperta dal pediatra che l'ha visitata al pronto soccorso a cui la piccola era stata condotta poichè aveva degli episodi di pianto inconsolabile che apparivano improvvisamente (sopratutto al risveglio da qualche pisolino) e altrettanto improvvisamente scomparivano. Non erano pianti da fame perchè la bimba non voleva neanche alimentarsi durante questi episodi...
Ho letto alcuni articolo sull'uso del L. reuteri nelle coliche del neonato addirittura al posto del simeticone. In accordo con il pediatra curante si possono comunque utilizzare giusto? Non dovrebbero avere degli effetti collaterali è corretto?
grazie ancora
cordiali saluti

[#4] dopo  
Dr. Costantino Zamana

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Il fatto che si sia scaricata spontaneamente nei primi 25 giorni è già molto molto confortante. di solito le problematiche chirurgiche si manifestano gà dalla nascita. Mi sento per questo di rassicurarla.
I fermenti lattici e il mylicon li usi pure liberamente ma per le colichine non c'è nulla di meglio che il sondino, i massaggini e tutti i consigli che se guarda tra gli articoli scritti dal DR. Giacchetti troverà con facilità.
Forza e coraggio che è un piccolissimo problema che vedrà risolverà pian piano con pazienza e con la crescita della cucciola.
Dr. Costantino Zamana
Specialista in Chirurgia Pediatrica -Urologia pediatrica
Ph.D. Scienze Chirurgiche e dei Trapianti