Utente 128XXX
Gent.mi,
ho una bimba di 5 mesi che lunedì (3 giorni fa) ha fatto la seconda dose di esavalente + pneumococco, quindi 2 punturine. I medici in ambulatorio mi hanno detto che si sono sbagliati in quanto la prima volta l'esavalente è stata fatta nella coscia destra. Questa seconda dose doveva essere fatta nella coscia sinistra ma per errore è stata iniettata l'esavalente ancora una volta nella stessa coscia destra e di conseguenza il pneumococco è stato fatto come la scorsa volta nella coscia sinistra. L'inferniera che guardava e teneva stretta la bimba ha detto a chi ha eseguito l'iniezione "è una seconda dose non una terza dose..ma va bè, è una bimba grandina". Io quando ho sentito così mi sono preoccupata in quanto ho temuto che le fosse stato iniettato più liquido del dovuto. Mi è stato solo detto invece che la differenza tra seconda e terza dose sta nella gamba in cui si inietta il liquido e basta. E' relamente così? Perchè allora è stato detto "è una bimba grandina"? In effetti pesa già 7.7 kg ma cosa c'entra se è grande con il fatto di fare la puntura nella coscia dx o sx? Mi potete spiegare come realmente funziona tra prima, seconda e terza dose e cosa può comportare il fare lo stesso vaccino nella stessa coscia tra prima e seconda dose?

Oltretutto dopo le iniezioni di lunedì mattina, martedì mattina le è arrivato un pò di rialzo febbrile (37.1-37.2) che ancora ad oggi (giovedì) persiste. E' normale a distanza di 3 giorni avere ancora febbre da vaccino?

Mi potete dare una spiegazione al rialzo febbrile dopo 3 gg e soprattutto a questo "sbaglio"? Può dare conseguenze alla mia bimba? Se effettivamente è solo una questione di alternanza tra coscia dx e sx magari non mi preoccupa (anche se non ci sta l'affermazione "è grandina, va bene lo stesso"), ma se le motivazioni sono altre che non mi hanno detto per non allarmarmi..vorrei però saperle.

Grazie a tutti

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Comincio col dirle che l'esavalente non contiene solo i 4 obbligatori ma anche due facoltativi e già questo mi sembra un sopruso tutto italiano.
Si fa al 3°-5° e 11°-13° mese non so cosa abbia voluto dire l'infermiera e non succede assolutamente nulla se si rifà sulla stessa gamba. Tutti i vaccini possono causare un rialzo febbrile dopo un paio di giorni per 2-3 giorni. Controlli il punto di inoculazione se arrossato, gonfio o dolente.
Se le febbre continua ed ha delle oscillazioni lo faccia presente al suo pediatra. Se tende a diminuire sparirà tra un paio di giorni.

E' bene ricordare, qualora la febbre si protraesse, ma senza allarmarla, che un po' di tempo fa, mentre molti stati della comunità europea ritiravano l'esavalente della Glaxo Smith Klein per probabile contaminazione batterica, l'Italia non lo faceva, dando rassicurazioni assurde circa lotti prodotti in Italia e quindi sicuri (cosa smentita dalla stessa casa produttrice in quanto i vaccini sono tutti prodotti in Belgio: non ce ne sono produzioni italiane...).

Cordiali saluti
Dott.ssa Agnesina Pozzi

[#2] dopo  
Utente 128XXX

Gent.ma Dott.ssa Pozzi,
La ringrazio anzitutto per la Sua veloce risposta. La febbre giovedì sera (16/01) è passata e ora ha temperatura normale. Tuttavia da mercoledì ha puntini rossi (rosellini non sporgenti ma a livello dell'epidermide) in tutto l'addome e solo nell'addome, niente schiena, niente gambe, niente viso, nè braccia. E da sabato è arrivata la diarrea.
Ricapitolando il 13 ha fatto il vaccino, il 15 le ho inserito nell'alimentazione il semolino e dal 14 o 15 (non ricordo di preciso) sono iniziati i puntini rosati. il 18 è arrivata la diarrea. A Suo avviso può essere una malattia infettiva o una reazione da vaccino o una reazione da semolino? Questa mattina ho già contattato la pediatra ma mi ha detto di non aver posto per tutta la giornata. Vorrei capire cos'ha questa bimba. Già mi conforta il fatto che non è un problema aver fatto lo stesso vaccino per 2 volte consegutive nella stessa gamba. Le coscie sono a posto e i puntini dell'iniezione non si vedono già più. Un cordiale saluto e buon inizio di settimana.

[#3] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Cara signora potrà forse trovare qualche consiglio utile sul mio minforma
la prima pappa

https://www.medicitalia.it/minforma/pediatria/486-pappa.html

Un'eruzione cutanea localizzata può essere una reazione al vaccino. Lo faccia presente perché credo e spero che la sua ASL raccolga dati, come dovrebbe essere, circa reazioni dopo la vaccinazione.

Cordiali saluti
Dott.ssa Agnesina Pozzi

[#4] dopo  
Utente 128XXX

Gent.ma Dott.ssa Pozzi,
Le scrivo in quanto sono un pò preoccupata per la mia bimba più piccolina (quella di cui sopra) che lunedì 28 luglio ha eseguito la terza dose da vaccino esavalente + pneumococco. Da lunedì sera è arrivata la febbre e non scende sotto i 38.5-39°C. Oggi è già giovedì pomeriggio e sono già ampiamente trascorsi i 2-3 gg di febbre come diceva Lei sopra. In più le gambine sono molto rosse e dure attorno al punto di inoculazione. Come ritiene che mi debba comportare? la pediatra ha detto di aspettare ma la mia preoccupazione è molto alta. Le 2 sorelle maggiori e le prime 2 dosi di questa bimba non avevano mai provocato febbre così alta, nè così duratura. E' più rossa la gamba in cui è stato iniettato l'esavalente. L'altra sta migliorando ma è ancora rosata.
Cosa devo fare? Ho contattato anche l'ufficio vaccinazioni ma neppure da loro ho avuto riscontri confortanti nel senso che mi è stato detto di continuare con il paracetamolo e stop. Quanto devo durare a vedere la mia bimba bollente che mi guarda con gli occhioni chiedendomi aiuto? La bimba, se Le può servire, è comunque vispa e fa la sua vita normale (è solo un pò noiosina quando la febbre arriva vicino ai 39°C).Mi può dare un consiglio appena può? Grazie