Utente 328XXX
Buon giorno, mio figlio, 4 anni, la sera del 3 marzo è stato ricoverato per convulsioni febbrili, il giorno dopo dimesso e il 5 guarito completamente.
Il 6 eseguito tampone x streptococco dubbio (linea non chiaramente presente) la ped sostituta mi ordina antibiotico da somministrare solo alla comparsa dell'esantema.
L'esantema non si presenta, rifatto tampone il 14 dal suo ped che dice positivo quindi iniziato subito antibiotico.
Mi devo aspettare conseguenze da infezione streptococcica per questa terapia iniziata un po' tardivamente?
Attendo risposta, sono molto in ansia.
Grazie
Giulia

[#1] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
Non credo avrà alcuna conseguenza.
In ogni caso se si fa un tampone perché si sospetta una malattia streptococcia e il tampone e' positivo va trattata, altrimenti e' inutile farlo.
Cordiali saluti
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)

[#2] dopo  
Utente 328XXX

La ringrazio x la risposta che mi rasserena anche perchè vedo il mio bimbo riprendersi giorno x giorno.
Io ho somministrato antibiotico appena i medici hanno detto di farlo...
Mi rimane un dubbio...
Le infezioni streptococciche che si manifestano con un banale mal di gola sono sempre tempestivamente curate?
Voglio dire, non so se sono solo io a comportarmi in questo modo ma, dato l'affollamento degli ambulatori pediatrici, non è che corra dal medico x ogni sintomo dei miei figli, soprattutto se "banale".
Anche una febbriciattola di un giorno che passa da sola non mi spinge a correre dal medico.
In quest'ottica, non è che siano numerose le infezioni di questo tipo che passano inosservate e che potrebbero diventare potenzialmente canale di conseguenze più serie?
Cosa ne pensa e che atteggiamento suggerisce?
Grazie
Saluti
Giulia