Utente 766XXX
Gent.mi Dottori,
il mio bambino ha 15 mesi, pesa circa 9.100 ed è alto 75 cm. Attualmente ha solo 4 denti (incisivi superiori ed inferiori).
Cammina da quando aveva 10 mesi.
E' stato allattato al seno fino a 6 mesi e mezzo e poi con latte di proseguimento.
Ha fatto tutte le vaccinazioni previste manifestando solo qualche linea di febbre.
E' vispo e a parte qualche febbre alta o scarica di diarrea in concomitanza con l'uscita dei denti gode di buona salute.
C'è solo un problema che si protrae da ormai 2 mesi ed è l'inappetenza ed il rifiuto totale di qualsiasi cibo a parte il latte vaccino.
Non ha MAI mangiato la frutta perchè non gli piace (gli è stata proposta in tutti i modi possibili). Lo svezzamento ha seguito le varie fasi senza nessun intoppo, ha sempre mangiato tutto quello che gli veniva proposto (frutta a parte), ma, come dicevo, oramai da 2 mesi rifiuta ogni pappa (sia quelle "sue" sia quelle "dei grandi").
Ogni tanto fa un pasto, anche dopo 3 giorni.
L'unica cosa che non rifiuta mai è il latte con i biscotti al mattino.
In questi ultimi giorni quando ha fame (e lo fa capire!) rifiuta la pappa e vuole solo il latte coi biscotti.
Ho provato a cucinargli ogni pietanza possibile ma c'è un costante rifiuto con urli e pianti, quindi per non lasciarlo digiuno quando ha appetito gli do almeno il latte che mangia con voracità.
Non riesco a comprendere la motivazione di questo atteggiamento, sembra che non gli piaccia più niente a parte il latte.
Ma può a un bimbo di 15 mesi essere sufficiente solo il latte per crescere?
Dopo mie varie insistenze con il pediatra ha assunto prima il CEBION (dato che non ha mai mangiato frutta) e poi il TO-BRAL ed ora l'INDUSIL.
Vorrei avere un Vostro parere perchè non riusciamo a comprendere se è un problema psicologico o fisico. (lui va al nido sempre con grandi pianti ma questa ultima settimana - dove perdura il rifiuto del cibo - è rimasto a casa con i nonni)
Grazie in anticipo per l'attenzione.

[#1]  
Dr.ssa Stefania Paesani

24% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora, prima di tutto il suo piccolo va visitato dal Suo pediatra. Durante la visita il medico si accerterà per esempio, che non stia mettendo i molari o che non abbia qualche lesione in bocca che gli provoca dolore.
Inoltre è importante fare una valutazione completa controllando le curve della crescita.Ha perso peso da quando ha iniziato a rifiutare il cibo?

Quanto latte prende in una giornata? I problemi sono insorti in corrispondenza del cambio di latte da proseguimento a latte intero?

Da quanto tempo va al nido? Come si comporta al nido quando è il momento della pappa?
A casa ci sono situazioni "nuove" o destabilizzanti?

Sono d'accordo con lei che è necessario fornire un alimentazione completa al bambino e che non basta solo il latte.( Tenga presente che il latte con i biscotti dà un senso di sazietà e che quindi se ne beve tanto, suo figlio non sente il bisogno di mangiare le pappe).
Cambiare l'ambiente in cui il piccolo rifiuta il cibo, se non si trova nulla di organico durante la valutazione del pediatra, è un ottima idea. Quindi va benissimo mangiare la pappa con i nonni e vedere come si comporta con loro.


Dott. Stefania Paesani
Specialista in Pediatria
Diplomata American Board of Pediatrics
https://www.facebook.com/stefaniapaesani.md/