Utente 128XXX
Gent.mi,
Vi spiego il mio dubbio: domenica 28/09/14 ho portato in PS mia figlia di 2 anni e mezzo in quanto di punto in bianco a casa ore 13:00 si è messa a strillare con le manine sulla fronte dicendo “bua testa”. Premetto che non è caduta ed è una bimba che ha sempre preso poche medicine. Non si lamenta mai (a volte con le placche in gola mangia e fa la sua vita solita e ce ne accorgiamo per caso portandola dal pediatra in occasione di un controllo di crescita della sorella). Le ho misurato la febbre e non l’aveva. Le ho dato comunque 5 ml di paracetamolo in sciroppo per toglierle il malessere e per farla riposare bene. E’ andata a nanna ma non era tranquilla, si lamentava. L’ho presa in braccio e ha cercato di dormire un po’ sul divano in braccio a me. Alle 14 ha avuto un vomito, così sono partita subito per il PS. Mal di testa + vomito: temevo la meningite. In PS alle 14:30 aveva 38.5°C di febbre e quindi il paracetamolo dato alle 13:00 non aveva fatto alcun effetto benefico. In pediatria le hanno fatto gli esami del sangue e Vi riporto l’esito (tra parentesi i valori normali):
globuli bianchi: 18.14* (6.00-17.00)
globuli rossi: 4.88 (3.9-5.00)
emoglobina: 13.6 (11.0-13.8)
ematocrito: 39.4 (32.0-40.0)
MCV: 80.7 (72.0-87.0)
MCH: 27.9 (27.0-32.0)
MCHC: 34.5 (32.0-36.0)
RDW cv: 12.9 (11.5-14.5)
RDW sd: 37.8* (39.0-48.0)
Piastrine: 373 (140-400)
Formula leucocitaria:
Neutrofili: 14.29* (1.5-8.5)
Linfociti: 2.,5 (1.8-8.4)
Monociti: 1.19 (0.1-1.3)
Eosinofili: 0.13 (0.0-0.5)
Basofili: 0.03 (0.0-0.2)
Neutrofili: 78.7%
Linfociti: 13.8%
Monociti: 6.6%
Eosinofili: 0.7%
Basofili: 0.2%
Glucosio: 142* (60-100)
Creatinina: 0.26 (0.24-0.41)
EGFR(velocità di filtrazione glomerulare) non applicabile (ml/min/1.73mq)
Sodio: 139 (136-145)
Potassio: 3.7 (3.5-5.1)
Calcio totale: 9.8 (8.6-10.2)
Alanina aminotransferasi (ALT): 19 (<33)
Proteina C reattiva: 1.5 (<5.0)
Cosa ne pensate di questi esami?
Il pediatra che l’ha visitata in ospedale mi ha mandato a casa dicendo che questi esami non davano indicazione (in quel momento dopo 12 ore non lo sapeva) di meningite. Sono andata a casa con la bimba che continuava ad urlare dal mal di testa, febbricitante e mi hanno prescritto l’antibiotico Augmentin. Che le ho dato per 6 gg.
Sono passate 3 settimane ormai dal quel giorno e ancora oggi la bimba si lamenta di tanto in tanto che ha bua alla testa indicando la fronte e il dietro del collo dove inizia la colonna vertebrale. Secondo la nostra pediatra di base non ci sono segni clinici per fare indagini ulteriori. Voi cosa mi consigliate? Ciò che mi spaventa è che la bimba dice “bua” in quanto, ripeto, davvero non si lamenta mai, neppure quando cade e si fa ad esempio un bello scortico nel ginocchio.
In più alla scuola materna della sorella è in giro la mononucleosi. Possono questi esami dare indicazioni di mononucleosi? Né in pediatria, né la nostra pediatra hanno preso in considerazione questa cosa.Si evince dai parametri analizzati?Come mi consigliate di procedere?Grazie

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
0% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Cara Signora
innanzitutto mi complimento per la sua attenzione sul sintomo mal di testa+vomito che, se associato anche a febbre, di sicuro non va sottovalutato. Nelle analisi però c'è solo un leggero aumento dei neutrofili compatibile con una reattività ad infezione di tipo batterico; una congestione delle vie aeree superiori insieme a muco può dare mal di testa. La meningite si manifesta in modo abbastanza violento, appunto con febbre alta, rigidità nucale (non solo dolore), vomito, confusione, prostrazione e davvero non mi sembra questo il caso. La Mononucleosi è causata da un virus,e quindi devono aumentare relativamente i linfociti, non i neutrofili.

La cosa migliore è una cauta osservazione, non focalizzando l'attenzione della bimba sulla sua "bua". Osservare, per il momento, come si comporta senza apprensione. Da quanto lei descrive non mi sembra ci siano motivi per preoccuparsi. Caso contrario il mal di testa dovesse continuare allora bisognerà che il suo medico tracci una strada diagnostica, a cominciare dalla più semplice come una visita ORL a proseguire.

Cordiali saluti
Dott.ssa Agnesina Pozzi