Utente 181XXX
Gentili medici,
scrivo per conto di mio nonno, cui è stata diagnosticata una insufficienza respiratoria cronica, piuttosto grave. Si tratta della conseguenza di un enfisema polmonare dovuta al passato di grande fumatore di mio nonno. Fino a 10 anni fa fumava 60 sigarette al giorno, poi ha dovuto giocoforza smettere.
Oltre a ciò soffre anche di una forma di diabete molto lieve, che riesce però a controllare solo badando all'alimentazione; senza farmaci quindi.
Ha anche una leggera aritmia che combatte con il RYTMONOR.
I medici ospedalieri che hanno in cura mio nonno gli hanno prescritto degli aerosol (4 al giorno) di alcuni farmaci_

-CLENIL
-BRONCOLAR
-FLUMICIL

Tuttavia mio nonno non avverte nessun miglioramento, e vorrebbe ripetere alcuni esami presso un altro ospedale.

Navigando su internet siamo venuti a conoscenza di terapie più "moderne", come il laser o addirittura quella chirurgica, ma ovviamente prima di qualunque iniziativa vorremmo un parere da parte di professionisti qualificati per capire se davvero altre terapie possono essere efficaci, e se vale comunque la pena di ripetere gli accertamenti presso un'altra struttura medica.

Moltissimi saluti, e grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Cristiano Cesaro

36% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Gentilissimo utente...

purtroppo quella di cui soffre suo nonno...e' l'evoluzione classica di una patologia Cronica....
che per definizione e' una patologia che NON GUARISCE...

Ora , in questo tipo di patologie , l'indicazione terapeutica dello specialista deve essere non di determinare la guarigione per il paziente, bensi' quella di cercare di fornire a questi il supporrto terapeutico utile a rallentarne o se possibile bloccarne l'inevitabile peggioramento.....

L'approccio aereosolico mi pare corretto...
a questo andrebbero aggiunti degli spray o polveri per inalazione....
e se possibile dei cicli di cura termale...per cercare di ottenere...un effetto rilassante e mucolitico sulla mucosa delle vie aeree....

Purtroppo non posso darle indicazioni farmacologiche specifiche perche' non conoscendo il paziente e non conoscendolo a 360° rischierei di sottovalutare eventuali problematiche accessorie....

Le consiglio magari di rivolgersi ad uno specialista ambulatoriale dell'ASL...per rivalutare la situazione per eseguire magari una prova spirometrica utile a quantizzare il danno funzionale di suo nonno ed impostare una corretta terapia...broncodilatativa....unita ALL'AEROSOL CHE GIA' STA FACENDO....

Inoltre le consiglio si ripetere una visita cardiologica...poiche' spesso un peggioramento della dispnea nel soggetto anziano...puo' essere il segno di un peggioramento della patologia cardiaca......

Non cerchi oasi nel deserto che per questo tipo di patologie....risulterebbero solo ed unicamente perdite di tempo e denari....cerchi....consigli semplici ed efficaci.....

se ha bisogno sono a disposizione...
Dr. Cristiano Cesaro
Specialista in Malattie Respiratorie e Tisiologia
Pneumologia Interventistica
Azienda Ospedaliera dei Colli Monaldi Napoli

[#2] dopo  
Utente 181XXX

Gentile dott. Cesaro,
innanzitutto la ringrazio molto, soprattutto a nome di mio nonno, a cui ho riferito la risposta.
Lei ha perfettamente ragione a dire che non bisogna credere ai miracoli ed alle oasi nel deserto ma, ferma restando la convinzione circa l'assoluta buonafede dei medici che hanno visitato mio nonno presso la struttura ospedaliera della sua città, è lecito oggettivamente farsi venire dei dubbi sul percorso diagnostico e terapeutico che gli è stato suggerito.
Innanzitutto lei, molto saggiamente, mi ha detto che sarebbe il caso di eseguire una spirometria, ma questa, per esempio, non gli fu mai fatta, così come consiglia di unire all'aerosol degli spray o degli inalatori. Ecco perchè la sua risposta è per mio nonno di grandissima utilità, gli fa capire che si può ancora fare qualcosa. Per il resto, sottoscrivo in pieno tutto quello che lei ha detto.
Approfitto ancora della sua cortesia per porle un nuovo quesito: considerando che in passato mio nonno ha eseguito "soltanto" una radiografia del torace ed un elettrocardiogramma per verificare perché il suo cuore ogni tanto "faceva le bizze", lei, oltre alla spirometria di cui parlava prima, ritiene che debbano essere eseguiti altri accertamenti oltre a questo?
Non vorrei apparire (anche se per procura, visto che scrivo per conto e nell'interesse di mio nonno) come il classico italiano ipocondriaco che vuole eseguire esami a ripetizione, spesso inutili, senza che ve ne sia una reale necessità, ma le posso assicurare che mio nonno è ridotto piuttosto male, questo problema respiratorio ormai lo sta conducendo ad un netto scadimento della qualità della sua vita.
In conclusione di questa risposta mi permetta, caro dott. Cesaro, di ringraziarla moltissimo, per la sua cortesia, per la sua scienza, e soprattutto per averci ben indirizzato!!!

[#3] dopo  
Dr. Cristiano Cesaro

36% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Caro signore.....grazie per i complimenti....

cercare di dare un piccolo aiuto multimediale...ai fruitori del forum e' la nostra missione..........

Allora....per evitare un ricovero.....e indirizzare in modo corretto suo nonno da un punto di visto diagnostico/terapeutico
sarebbe adeguato considerando eta' e patologia consigliare
un ECOCARDIOGRAMMA.....ed un ECG con visita cardiologica... per la valutazione cardiologica....

Relativamente alla patologia respiratoria....credo che sia d'obbligo effettuare........una spirometria ed un emogasanalisi arteriosa.........e magari una recente
RX del torace....in proiezione A/P e L/L

nulla di piu'.............

Se ha bisogno.......ci faccia sapere...
siamo a sua completa disposizione......

cordiali saluti
Dr. Cristiano Cesaro
Specialista in Malattie Respiratorie e Tisiologia
Pneumologia Interventistica
Azienda Ospedaliera dei Colli Monaldi Napoli

[#4] dopo  
Utente 181XXX

Caro dott. Cesaro,
i complimenti sono assolutamente dovuti. Ho fatto leggere sul monitor del mio computer la sua risposta a mio nonno, che la ringrazia tantissimo, e mi prega di riferirle che farà tesoro di quanto lei ci ha detto.
Io, da parte mia non posso che associarmi.
Ancora grazie!!!

[#5] dopo  
Dr. Cristiano Cesaro

36% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Grazie ancora delle belle parole....

ci tenga aggiornati......
Dr. Cristiano Cesaro
Specialista in Malattie Respiratorie e Tisiologia
Pneumologia Interventistica
Azienda Ospedaliera dei Colli Monaldi Napoli