Utente 126XXX
buongiorno,sono un ragazzo di 24 anni,ex fumatore. A gennaio 2011 ho avuto una forte faringite (con febbre oltre i 39 e placche bianche in gola) curata con antibiotici per una settimana. Da quell'evento la mia gola mi ha sempre dato la sensazione di non essersi ristabilita ed ho sempre avvertito,in questi mesi,un'eccessiva presenza di catarro. In un paio di occasioni ho trovato che quest'espettorato era striato di sangue (e non ho trovato gengive o tagli in bocca sanguinanti) così mi sono rivolto al medico di base il quale mi ha detto che la procedura standard era lastre ai polmoni e visita otorinolaringoiatrica. Ho fatto presente che col mio precedente medico (mi sono trasferito di città) ho fatto una visita per escludere asma un anno prima,a settembre 2010,dove le lastre,la spirometria e l'auscultazione del pneumologo hanno detto che era tutto nella norma. Così si è deciso per la sola visita dell'otorino dalla quale è emerso un sospetto di reflusso gastroesofageo che va ad infiammare la faringe. Tuttavia,non ostante abolizione del fumo e riduzione di alimenti controindicati(cioccolata,menta....ect) al mattino trovo sempre una gola irritata con espettorato sul giallo-marroncino,cioè scuro ed una leggera perdita di voce. Trovo,inoltre,una situazione generale della bocca e della gola "irritata" in un modo sospetto,con presenze un po' troppo frequenti di vescicole o gengive infiammate.le mie domande sono:
1-é possibile che il solo reflusso giustifichi tutto ciò?lo chiedo perchè credo che i sintomi del reflusso non siano poi così forti e di conseguenza il reflusso stesso credo sia tuttosommato contenuto
2-ritenete necessari altri esami per comprendere meglio la situazione?
3-quanto posso stare tranquillo,secondo il vostro parere professionale,rispetto a patologie fortemente preoccupanti che si legano al mondo dei fumatori o ex fumatori?

Spero di essere stato esauriente e di aver pubblicato nella sezione giusta la mia domanda. Ringrazio fin da ora quanti mi vorranno rispondere e porgo distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Spina

24% attività
0% attualità
12% socialità
MARSICOVETERE (PZ)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
caro amico dalla tua storia non si comprende se l'Otorino ti ha prescritto un controllo con gastroscopia oppure ti abbia dato una terapia per l'eventuale reflusso gastro esofageo.
Parli di catarro , ma quali caratteristiche ha? si accompagna a tosse ? l'abbassamento di voce è continuo o è occasionale?
inizio a rispondere qi tuoi quesiti
1) li sintomi del reflusso si evidenziano maggiormente di notte,quando la posizione supina facilita la risalita dell'acido dallo stomaco incontinente , che inonda le corde vocali determinando la disfonia ,ma raramente si vedono vescicole ed afte nel cavo orale, a meno di grossi reflussi
2) Sicuramente l'esame principale è la pHmetria che evidenzia lo stato di acidità nell'esofago (che normalmente è basico) e in secondo luogo la gastroscopia
3) se si tratta di un reflusso puoi stare tranquillo , ma ho qualche dubbio sulla natura del disturbo
Hai fatto esami del sangue? hai dolore alla gola? hai febbricola? potrebbe trattarsi di una mononucleosi .(ovviamente è solo un ipotesi ) aspetto tue notizie
Auguri
Dr. GIUSEPPE SPINA

[#2] dopo  
Utente 126XXX

Dunque,procedendo con ordine:
-l'otorino mi ha dato un foglio di risposta per il mio medico di base sul quale ci dovrebbe essere anche la prescrizione di un farmaco,1 compressa al giorno per un mese. La scrittura per me è indecifrabile,dunque non so dire come si chiami il farmaco
-come detto,il mattino è il momento peggiore della giornata: il catarro è scuro,sul giallo molto carico-marroncino ed è denso,la gola è irritata e la voce è più mal messa. la situazione migliora durante il giorno con un espettorato che va sul giallo e la voce si riprende quasi del tutto,senza essere però perfetta. Tosse persistente non ne ho. l'espettorato striato di sangue è stato a volte conseguente a tosse(provocata da prurito in gola) a volte no. Però,diciamo,la tosse è episodica e non continua. Insomma mi sembra di tossire normalmente,ogni tanto(....non so se mi son spiegato)
Inoltre segnalo che la faringite con infezione avuta a gennaio è stata " "bollata" come mononucleosi in quanto per tutto il mese successivo ho avuto febbricola e forte stanchezza. Non ho fatto esami del sangue perchè quando ho riferito queste cose al medico di base questo mi ha detto che avevo avuto la mononucleosi e che sarebbe guarita da sola senza strascichi. Mi disse di tornare se non stavo meglio entro un paio di settimane,io ho aspettato un po' di più(1 mesetto) ma poi mi son ripreso e cosi non ho fatto gli esami del sangue.
Ora lei ritiene che queste cose che ho ad oggi possano essere conseguenze della mononucleosi di gennaio? ritiene inoltre che mi debba preoccupare per malattie del polmone più gravi o posso stare tranquillo? la ringrazio per la risposta datami e le porgo i miei saluti

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Spina

24% attività
0% attualità
12% socialità
MARSICOVETERE (PZ)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
caro amico dalla tua risposta evinco che non hai fatto il trattamento perl'esofagite da reflusso , ma in considerazione della sintomatologia che riferisci ,penso che sia necessario che tu la effettui (anche senza fare la gastro o la pHmetria ) per valutare l'andamento dei sintomi.
L'espettorato che descrivi è compatibile con un quadro di esofagite (il colore "giallo carico"può essere espressione di secrezioni gastriche e non bronchiali. Questa situazione mantenedo una variazione di pH nella tua bocca (acido ovviamente) può spiegare anche le vescicole e le bolle che hai nel cavo orale.
La mononucleosi è una malattia che si autolimita, cioè guarisce da sola , però può durare anche per più di un anno e il solo modo per saperlo è quello di eseguire gli anticorpi per la mononucleosi IgG e IgM , I primi indicano la positività all'infezione vecchia (ma sesono con un titoloalto possono anche indicare una reinfezione recente) i secondi invece indicano una infezione in corso per cui normalmente devono essere assenti.
Ti consiglio di effettuare la terapia per il reflusso (solitamente consiglio INIBITORI DI POMPA al massimo dosaggio e farmaci antireflusso x 3 volte al giorno,per 8 settimane) , ma tutto questo lo devi valutare con il tuo curante o con il gastrenterologo)
Auguri
Dr. GIUSEPPE SPINA

[#4] dopo  
Utente 126XXX

va bene,ne parlerò lunedì col mio medico di base.
La ringrazio per la cortesia e la disponibilità e la saluto.