Utente 230XXX
Gentili medici,vi ringrazio prima di tutto per la disponibilità ed il servizio offerto.
Durante gli anni del liceo,per ben due anni consecutivi,la mia scuola è stata interessata da lavori di ristrutturazione.Ovviamente la cosa passava allora pressochè inosservata da tutti,alunni e prof.Soltanto da poco ho scoperto che la copertura della scuola era coibentata con fibre di amianto-purtroppo non sono riuscito a capire precisamente in che modo-.Non ci fu fatta adottare nessuna forma di prcauzione ne ci fu data alcuna avvertenza.Dal momento che i locali dell'ultimo piano erano poco areati esiste un rischio concreto qualora questi lavori fossero stati eseguiti con gli alunni nelle classi e per di più esposti senza nessuna precauzione anche nei giorni seguenti la contaminazione? Ricordo inoltre molto bene dei pannelli verdastri-probabilmente in lana di roccia,almeno da quanto mi sembra di capire adesso-ammassati per qualche giorno nei bagni.E nel caso di rischio,esistono degli esami o comunque delle azioni precauzionali consigliabili?
Consapevole della domanda poco spevifica,vi ringrazio per l'attenzione che presterete.

[#1] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Posso solo risponderle che se in passato, purtroppo, non si è dato peso ai rischi relativi all'asbestosi, i gravissimi danni relativi sono stati (e sono) patiti dagli operai che hanno lavorato con le polveri (molto sottili) dell'amianto. Ora, al contrario, c'è un allarmismo davvero esagerato anche solo per la vicinanza di materiale usato coibentazione, già trattato in passato, assemblato quindi in fibre ben più grandi e quindi con scarse o nessuna possibilità di nuocere. La decoibentazione avvenuta pochi anni addietro, sarà stata affidata, necessariamente, ad una ditta specializzata che avrà preso comunque le precauzioni del caso: i primi, e verosimilmente gli unici, a correre rischi sono gli operai che va hanno lavorato.
Concludendo, se in passato si è peccato nella sottovalutazione del problema, cerchiamo ora di non esagerare al contrario.
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo