Utente 261XXX
Gentilissimi dottori,
torno a scrivervi poichè le mie sintomatologie sono peggiorate.
Da circa un mese a questa parte, nell'esatto istante in cui sto per addormentarmi, sento una sensazione stranissima. Un fastidio allo stomaco, poco sopra l'ombelico, da lì come se partisse un vuoto d'aria, che mi costringe a svegliarmi di soprassalto, con la sensazione di essere in procinto di morire, di non poter più respirare. A volte questa sensazione è associata alla percezione che mi addormentino le gambe. Mi viene subito lo stimolo a fare pipì. Talvolta, ma non sempre, faccio un balzo nel letto e ho il cuore che va a mille. Poi, dopo pochi secondi, appena prendo coscienza della situazione, il tutto rientra. Provo a riaddormentarmi e mi ricapita. Può succedermi fino a sei/sette volte in una notte, finchè non prendo sonno. Di giorno non mi capita mai, non ho mai avuto sensazione di affanno, neppure se faccio le scale o porto pesi. Ho provato lo xanax, dieci gocce prima di andare a letto. Per qualche giorno ha fatto effetto, ma è da un paio di notti, che malgrado il farmaco, i disturbi si ripresentano. Ho il terrore di coricarmi. Passo le mie giornate nell'angoscia di dover morire nel sonno. Mi hanno diagnosticato una depressione e attacchi di panico. Soffro anche di tiroidite autoimmune, che sto curando con eutirox 50 e solo per venti giorni con deltacortene da 5 (tutto ciò ai fini di programmare una gravidanza, poichè ho avuto due aborti). Nell'ultimo anno ho fatto 3 ecg e due ecocardiografie. L'unica cosa risultata è un prolasso del lembo anteriore della mitralica, condizionante insufficienza lieve-moderata. Il cardiologo mi ha detto di stare tranquilla.
Da quando, però, soffro di questi sintomi, la mia vita si è letteralmente bloccata. Questo problema notturno mi angoscia. Ho proprio la sensazione di dover morire mentre mi addormento. Potreste darmi un consiglio?
Saluti e buona giornata
Mari

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, potrebbe trattarsi di un disturbo respiratorio nel sonno. Coinvolgendo il partner nella risposta, saprebbe dirmi se il suo respiro notturno é rumoroso o se russa? Al mattino si sveglia ben riposata o stanca? Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com