Utente 296XXX
Gentili dottori, sono una donna di 46 anni fumatrice, circa 15/20 sigarette al giorno, abbastanza spesso mi capita di svegliarmi con senso di soffocamento, l''aria non riesce proprio a passare, il tutto non dura più di 1 minuto circa, il respiro si fa sibilante, mi è capitato anche di giorno ma in forma più lieve, riesco respirando lentamente a tenerlo sotto controllo, mentre invece la notte, mi prende molto più forte.
Il mio medico curante, tra l''altro pneumologo, mi ha detto che dipende dal fatto che fumo e che ho un fischio dietro la schiena, ma non mi ha prescritto nessuna indagine ne una cura specifica, in poche parole sono senza diagnosi, vi chiedo cortesemente un suggerimento sugli eventuali accertamenti da fare, è possibile che si tratti di asma? avevo una bisnonna e attualmente una nonna ancora in vita entrambe asmatiche, nel ringraziarvi per il vostro servizio offerto, colgo l''occasione per salutarvi cordialmente.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, il quadro clinico descritto potrebbe essere spiegato con una convergenza di fattori. Accertato che si tratta di una paziente asmatica, la crisi potrebbe essere favorita da uno schema respiratorio orale, che, saltando i “filtri” presenti nel naso, rendono più aggressivi e nocivi i fattori scatenanti la crisi stessa. Il passaggio alla respirazione orale anziché nasale, possibile anche di giorno, di notte è favorito dal rilassamento muscolare, che porta la mandibola a “cadere” in basso e all’indietro. L’aria fredda sporca e secca, in quanto non filtrata, umidificata e riscaldata nel passaggio attraverso il naso, va a colpire la gola e passa direttamente nelle basse vie aeree, provocando la tosse. Spesso questi pazienti la notte russano e vanno in apnea, il che potrebbe spiegare le sue sensazioni: " mi capita di svegliarmi con senso di soffocamento, l''aria non riesce proprio a passare".
Se il suo caso confermasse questa ipotesi, potrebbe essere utile consultare anche un dentista esperto in problemi respiratori e nel sonno.
Le suggerirei di dare anche un'occhiata all'articolo linkato qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.studiober.com/pdf/Malocclusioni%20e%20patologie%20respiratorie%20ostruttive.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 296XXX

La ringrazio dottore per la risposta, in effetti io ho due scheletrati dentari, sia nella parte superiore che in quella inferiore della bocca, che però la notte mi tolgo per una mia particolare fobia, cioè che si sgancino e che possano soffocarmi mentre dormo, potrebbe essere correlato?

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
E' possibile: togliere gli scheletrati peggiora di certo una situazione occlusale, che oltretutto, se ha necessitato di scheletrati, comunque non dev'essere, mi perdoni, brillantissima .
Ovviamente via rete , senza la possibilità di un esame diretto, non si può dire di più.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente 296XXX

Grazie mille Dottore, si infatti ho anche il morso inverso, vedrò di fare una visita da un dentista che si occupi anche del respiro, La ringrazio nuovamente.
Cordialità.