Utente 486XXX
A mia moglie, in occasione di esami pre-intervento di escissione chirurgica di un nodulo al seno dx, è stata eseguita una rx al torace con il seguente referto: " Accentuazione della trama vascolare-bronchiale. Immagine radiopaca, ovalariforme, si apprezza sulla proiezione dell'arco anteriore della II costa di sx, di non univoca interpretazione (immagine costruita? altro?) Emidiaframmi regolari con seni costo-frenici liberi ".
L'oncochirurgo, post-intervento, ha fatto eseguire una tac del torace per superare i dubbi della rx precedente. La tac ha avuto il seguente referto:
" Fibrosi apicale bilaterale. Presenza di millimetrico nodulo fibrocalcifico (UH 100) in corrispondenza del segmento mediale del lobo medio a dx, altro nodulo calcifico si reperta al segmento anteriore del lobo superiore di sx.
Regolare aspetto dei restanti ambiti polmonari e degli organi mediastinici. Non versamento pleuro-pericardico. Non evidenza di linfonodi aumentati di volume. In corrispondenza della regione mammaria dx, nella sede dell'intervento chirurgico, si apprezza quota di tessuto a densità sovrafluida con minute bolle aeree. Iperdensità dei tesuti sottocutanei al cavo ascellare dx con raccolta fluida di 2 x 0,8 cm circa da recente chirurgia.
Qualche calcificazione parietale lungo l'arco aortico. Tiroide aumentata di dimensioni, a densità omogenea ".
Considerato che mia moglie nel 2003 ha subito un intervento di K al colon retto seguito da cicli di chemioterapia con applicazione di port sottoclavicolare a dx, tali noduli possono essere associati a cio? Se la risposta è negativa, da cosa sono prodotti? Tali noduli fibocalcifici possono modificarsi in tumori polmonari? Devo preoccuparmi considerato che mia moglie ha avuto prima un K al colon ed ora al seno? Vi possono essere correlazioni?

[#1] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
I NODULI POLMONARI FIBROCALCIFICI SONO CONSIDERATI "RELIQUATI" DI PREGRESSE FLOGOSI (INFIAMMAZIONI) DEL PARENCHIMA POLMONARE, QUINDI DEL TUTTO BENIGNE E NON EVOLUTIVE.
NEL MONITORAGGIO POST CHIRURGICO, COMUNQUE, LE SARANNO SICURAMENTE RICHIESTE TC TOTAL BODY DI CONTROLLO CHE VI POTRANNO ULTERIORMENTE TRANQUILLIZZARE.

CORDIALMENTE
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo

[#2] dopo  
Utente 486XXX

Grazie Dottore di avermi rassicurato. In effetti l'estate scorsa ho avuto una tosse secca e stizzosa che si è protratta per oltre un mese regredita spontaneamente e non curata. Un anno fa nei controlli di routine è stata eseguita una RX torace con il seguente referto: esiti calcifici di infiltrato nodulare specifico a sx in apico sotto apicale sx con disseminazione omolaterale e contro laterale. Non lesioni parenchimali attive di focolaio. Ili regolari. Cuore nei limiti. Anche questa RX è compatibile con postumi infiammatori? Aspetteremo la tc total body sperando che ci possa tranquillizzare. Ulteriormente. Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
La "disseminazione" omolaterale e controlaterale non è affatto "convincente". Conviene effettuale la TC torace con m.d.c. se non è programmata la total body. Da marzo sono trascorsi 7 mesi ed i tempi sono maturi...
CORDIALMENTE
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo