Utente 429XXX
Salve. Circa tre settimane fa ho cominciato ad accusare disturbi come raucedine, mal di testa e faringodinia accompagnati da febbricola, così mi sono recato da un otorinolaringoiatra per una visita specialistica, il quale mi ha diagnosticato una "rinofaringite catarrale subacuta".
Ho seguito la terapia da lui prescrittami:
- Argotone mezzo contagocce 3 volte al giorno per 8 giorni;
- Isocef 1 pastiglia al giorno per 6 giorni;
- Dirahist 2 pastiglie al giorno - dopo i pasti - per 5 giorni.
Alla fine della terapia avrei dovuto iniziare una terapia aerosolica per via nasale con mezza fiala di Clenil e una fiala di Ialu Clenny per 10 giorni.

Ho iniziato la terapia aerosolica da 5 giorni e ho notato che, alla fine di ogni ciclo, ogniqualvolta inspiro profondamente trovo grosse difficoltà a respirare e ho bisogno di tossire; alla fine mi riprendo, con non poca paura. Mi domando se questo possa essere causato dalla terapia aerosolica o se possa essere un effetto collaterale del Clenil.
Devo sospendere la terapia aerosolica? Mi affido a voi.

Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
PROPRIO NO.
Del tutto verosimilmente gli aerosol rimuovono secrezioni nasali che scolano più abbondantemente in gola e le scatenano la tosse. se vuole un consiglio effettui frequenti e abbondanti lavaggi nasali con acqua salina ipertonica (acqua salata come quella del mare!!!) eliminirà le secrezioni nasali e probabilmente buona parte dei suoi disturbi.

CORDIALMENTE

Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo